Vacanze estive alla Libera Università di Alcatraz

Comunicato stampa

Marc Chagall e gli anni russi: le opere e un racconto di Dario Fo accompagnano la mostra

Marc Chagall sarà al centro di un evento davvero straordinario, a Brescia al Museo di Santa Giulia dal 20 novembre al 15 febbraio 2015.

La mostra è arricchita dall'omaggio pittorico e narrativo del Maestro Dario Fo che per l'occasione ha realizzato 20 dipinti accompagnati da 15 bozzetti preparatori e da un racconto sulla vita e l’opera di March Chagall, racconto che Dario Fo presenterà durante una lezione spettacolo il 16 gennaio 2016 presso il Teatro Grande di Brescia. 

Un progetto assolutamente originale che corre sul binario di due personalità senza alcun dubbio uniche, affascinanti, spiazzanti. Il grande artista con i suoi capolavori degli anni russi, arricchiti da un racconto d’eccezione, come può essere solo l’omaggio di un premio Nobel come Dario Fo.

A pieno titolo è lecito parlare di un incontro tra due geni.

Da un lato Marc Chagall, pittore lirico e surreale protagonista dell’arte del XX secolo, dall’altro Dario Fo, premio Nobel per la letteratura, commediografo, scrittore, ma anche pittore innamorato di Chagall. Cui Fo si sente particolarmente vicino, per il gusto del fantastico, del paradossale, del surreale e dell’impossibile.

Il dialogo si concretizza in due esposizioni distinte, poste in stretta relazione tra loro: nella prima sono esposte le opere di Marc Chagall raccontate dall’artista stesso attraverso una serie di stralci tratti dalla sua autobiografia Ma Vie, scritta tra il 1921 e il 1922; nella seconda Dario Fo racconta le opere di Chagall attraverso i sui testi, illustrati da preziosi disegni e dipinti, creati appositamente in occasione dell’esposizione a Brescia.

La mostra "Marc Chagall. Opere russe 1907-1924", organizzata da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo e la partecipazione di Giunti Arte Mostre e Musei, con la curatela di Eugenia Petrova, direttrice del Museo di Stato Russo, si sviluppa seguendo il percorso del pittore dalla sua formazione sino ai primi anni della maturità, immediatamente precedenti la diaspora a Parigi.

La mostra propone 33 opere, 17 dipinti e 16 disegni oltre a due taccuini - con disegni e poesie recentemente ritrovati ed esposti per la prima volta al pubblico - che vanno dal 1907 al 1924: viene indagato il periodo durante il quale Chagall da Vitebsk, paese di nascita e vero protagonista delle prime opere, si trasferisce prima a San Pietroburgo, dove studia presso l’Accademia Russa di Belle Arti, e poi a Parigi, dove viene in contatto con la comunità di artisti di Montparnasse e dove si trasferirà definitivamente con la moglie Ida a partire dal 1924.

Accanto alla mostra di Chagall, i visitatori hanno l’occasione di vivere un altro evento unico appositamente progettato e realizzato per l’occasione.

Il Premio Nobel Dario Fo ha realizzato ben 20 dipinti accompagnati da 15 bozzetti preparatori e da un racconto sulla vita e l’opera di March Chagall.

Uno straordinario omaggio, pittorico e narrativo, a Marc Chagall che sarà celebrato anche da un’unica lezione spettacolo che si terrà il 16 gennaio 2016 presso il Teatro Grande di Brescia.

Nell’occasione la casa editrice GAMM Giunti pubblica due volumi catalogo, ciascuno comprendente tutte le opere esposte e testi di March Chagall, Eugenia Petrova, Dario Fo.

MARC CHAGALL E GLI ANNI RUSSI DAL 1907 AL 1924 con un racconto per immagini di DARIO FO.

Per maggiori Informazioni:  www.bresciamusei.com 

 

 


Dario Fo per "Desideri all'Asta" di Amnesty International

 

Anche quest'anno Dario Fo partecipa con una sua opera all'iniziativa "Desideri all'asta" di Amnesty International.

L'asta con l'opera di Dario Fo sarà attiva su Ebay da domani, mercoledì 18 novembre, a partire dalle ore 12.22

Da domani infatti sarà online la XV edizione di ‪#‎desideriallasta‬ a sostegno della campagna "Mai più spose bambine" di Amnesty International - Italia.

Ogni giorno 37mila bambine al mondo sono costrette a sposare uomini molto più grandi di loro, con enormi conseguenze sul loro diritto alla vita, alla salute e all’istruzione. Partecipa anche tu a #desideriallasta e potrai aiutare Amnesty International a cambiare la vita di una bambina!

Per maggiori informazioni: www.amnestysolidale.it

CLICCA QUI PER PARTECIPARE ALL'ASTA:  http://www.ebay.it/itm/191739680715?ssPageName=STRK:MESCX:IT&_trksid=p3984.m1557.l2649


Dario Fo: Un pittore recitante - Le opere del Maestro in mostra a Cuneo dal 7 novembre all'8 dicembre 2015

Inaugurata a Cuneo sabato 7 novembre alle ore 17 presso le sale espositive di Palazzo Samone la mostra Dario Fo “Un pittore recitante” che raccoglie oltre 50 opere del celebre attore e autore teatrale, che sarà poi a Cuneo, per incontrare il pubblico di scrittorincittà giovedì 12 novembre (ore 17, Teatro Toselli).

Se Dario Fo è universalmente conosciuto come uomo di teatro e per il Premio Nobel per la letteratura ricevuto nel 1997, non altrettanto nota è la sua appartenenza al mondo della pittura.

Eppure Dario Fo nasce artisticamente come pittore e ha sempre fatto il pittore: ha realizzato scenografie, bozzetti di costumi, ma anche opere pittoriche dotate di una loro autonomia espressiva.

E’ stata la grande mostra antologica allestita a Milano, a Palazzo Reale, nel 2012 a far scoprire al grande pubblico Dario Fo pittore a tutto tondo, cui ha fatto seguito nel 2013 la mostra a Francoforte e poi ancora importanti rassegne a Voghera, Genova e Pavia.

Nelle sue opere Dario Fo mostra la sua visione di realtà: attraverso le immagini e attraverso la matita e i colori egli riesce a fissare le idee, e a catturare l’ispirazione, trasportando sul foglio o sulla tela il suo pensiero e il suo genio.

“Ogni mia commedia ha dietro un canovaccio di immagini, di figure … In fondo il mio percorso è sempre stato in queste due direzioni: evocare la satira attraverso la pittura e mettere in luce la vena satirica sempre insita nei capolavori dei grandi maestri” ha detto il grande attore.

E ancora “Non c’è più differenza per me fra il ‘pitturare’, disegnare e raccontare o interpretare un ruolo nella scena. E quando, nell’allestire uno spettacolo, mi ritrovo in crisi e non mi riesce di rimediare un ritmo o uno svolgimento consono a quello che vorrei raccontare, l’unica soluzione per me è procurarmi un grande foglio di carta, dei colori, penne e pennelli. Il tutto per segnare ritmi e figure che con sintesi ed altri argomenti raccontino in un’altra forma la storia in questione”.

La mostra, che consente di fare conoscere le opere pittoriche di un genio dell'invenzione e del teatro, si colloca all'interno delle iniziative che la famiglia Fo ha intrapreso già con la destinazione dei proventi del premio Nobel e tutte finalizzate al sostegno dei disabili.

La vendita dei quadri, dei disegni e delle litografie di Dario Fo va infatti a sostenere l’attività della Onlus “Nobel per i disabili”.

Foto Archivio C.T.F.R. :

 

 

 

Maggiori informazioni: www.comune.cuneo.gov.it 


LA STORIA DEL MONDO? QUELLA VERA? In un Kolossal di Jacopo Fo e Bandabardò

L'idea di questo kolossal nasce dal libro "La vera storia del mondo" scritto da Jacopo Fo, il video-promo lo abbiamo realizzato alla Libera Università di Alcatraz insieme alla Bandabardò che, oltre a partecipare alle riprese del video, ha scritto la musica della canzone "I Mammut" che potete sentire nel video.

Questa è solo una piccola parte del Film-Musical che vorremmo realizzare coinvolgendo numerosi attori e cantanti. Avevamo pensato di realizzare uno spettacolo teatrale e portarlo in tournée ma i costi sono proibitivi, quindi abbiamo deciso di fare un film con colossali scenografie, girando pezzo per pezzo con diversi gruppi. Lo stesso meccanismo parcellizzato lo useremo anche per realizzare scenografie e costumi.

LA VERA STORIA DEL MONDO: generali imbecilli, sacerdoti sadici, invenzioni geniali, orge di massa, divinità criminali, popoli indomabili, guerre inutili, complotti demenziali. Come fu che scendemmo sugli alberi e arrivammo a ballare il bughi bughi e a fare sesso per telefono? Tutto quello che a scuola non ti hanno raccontato perchè ai potenti conviene censurare la storia! Dove mettevano i cinesi le canne di bambù? È vero che una volta usavano preservativi di legno? La storia della battaglia di Legnano è una falsità? Il Carducci era un bugiardo? Dante Alighieri era un fan del giudice Di Pietro? La puttana non è il mestiere più antico del mondo? La guerra non è sempre esistita? A scuola non ti raccontano che la stupidità ha dominato la storia umana fin dai tempi di Achille!

Guarda in anteprima sul FattoQuotidiano.tv il video-promo del progetto e fai in modo che questo film si realizzi...

Dopo averlo visto andrete dai vostri professori e li morderete!

Per sapere come sostenere il progetto, partecipare al crowdfunding, conoscere le ricompense continua a leggere l'articolo cliccando qui e se l'idea ti piace condividi con i tuoi amici, parenti, colleghi e compagni di scuola!

#mammut #laverastoriadelmondo #alcatraz  

 

 

 


Invito all'anteprima dello spettacolo "Callas" con Dario Fo e Paola Cortellesi - Milano

Grandissima occasione!

Ultimi biglietti (gratis) per l'anteprima dello spettacolo "Callas" con Dario Fo e Paola Cortellesi a Milano, un racconto straordinario sulla vita e gli amori della grande cantante. 
Possibilità di partecipare solo con invito.

Una meravigliosa possiblità... Se vuoi partecipare invia entro oggi alle ore 19 a info@alcatraz.it la richiesta per ottenere l'invito, l'email deve contenere: nome, cognome, data di nascita, numero di telefono e occorre specificare la data scelta tra le tre serate in programma (lo spettacolo sarà sabato 26, lunedì 28 e mercoledì 30 settembre a Milano). 

Dopo aver inviato la richiesta di partecipazione riceverete l'invito con l'inidirizzo degli studi da stampare e presentare all'ingresso insieme a un documento di identità valido, sarà necessario presentarsi entro le ore 20.00. 

E buon divertimento!

 


Dario Fo Mistero Buffo a colori: dal 6 settembre al 18 ottobre 2015 al Castello Visconteo di Pavia

Dal 6 settembre al 18 ottobre la Sala Mostre del Castello Visconteo di Pavia ospiterà l'esposizione dal titolo "Dario Fo Mistero Buffo a Colori. Opere del Nuovo manuale minimo dell'attore".

I visitatori potranno ammirare oltre 130 dipinti, frutto dell'attività pittorica che Dario Fo ha realizzato durante tutta la sua vita. "Questa mostra è, in pratica, il racconto della mia vita personale e artistica - ha spiegato Dario Fo durante la presentazione della mostra -. Si parte da alcuni dipinti che ho realizzato in età adolescenziale, che sono poi stati rielaborati. Ma ci sono anche ritratti di Franca Rame e altre opere che traggono spunto dal lavoro che abbiamo svolto in tanti anni di teatro. Abbiamo narrato le storie di operai, contadini, della gente che soffre; frammenti di una società basata su un'economia di sfruttamento. Purtroppo l'Italia è un Paese di disinformati: e la disinformazione serve per abbassare la voglia della gente di cambiare e di emergere".

Nelle opere esposte per la prima volta nella mostra, il Premio Nobel sceglie di adottare nuove tecniche espressive, privilegiando l'uso del collage di immagini accostate sulla tela e di fotocopie e fotografie digitali dei propri lavori, sui quali incide con il tratto e con il colore. Esegue una pittura a tempera ripresa con passaggi di cromie ad olio, quindi infila la tavola nella fotocopiatrice e la programma in modo che produca un'immagine di tonalità capovolta.

"Da giovane - ha ricordato oggi Dario Fo - ho frequentato per 8 anni l'Accademia di Brera e ho anche studiato ad Architettura. Ho sempre coltivato la passione della pittura: una forma d'arte con la quale racconto me stesso e la mia vita".

Organizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo in collaborazione con la Compagnia teatrale Fo Rame e la Libera Università di Alcatraz, sostenuta dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia e da UBI banca e curata da Susanna Zatti, la mostra raccoglie i lavori realizzati nel 2015 da Dario Fo in occasione della pubblicazione del suo Nuovo Manuale Minimo dell'attore edito dalla casa editrice Chiarelettere.

Il catalogo della mostra, edito da Skira, contiene un'introduzione di Dario Fo (che commenta anche in calce ciascuna opera), la presentazione di Susanna Zatti e un breve testo di Cesare Lisandria.

La mostra prosegue fino al 18/10/2015 presso i Musei Civici del Castello Visconteo, viale XI Febbraio 35 Pavia Ingresso: 4 euro Orari: da martedì a domenica 10 - 18. La biglietteria chiude 45 minuti prima.

Fonte immagine: ilgiorno.it

 

RASSEGNA STAMPA ONLINE:

 www.vivipavia.it 

 ANSA.it

 www.adnkronos.com 

 laprovinciapavese.gelocal.it

 www.artslife.com 

 www.paviafree.it 

 www.radiogold.it 

 


Dario Fo dipinge Maria Callas: 11 giugno alle 21.10 in onda su SKT ARTE lo speciale sulla mostra a Verona

 

In prima visione assoluta

la nuova produzione originale Sky Arte HD

Giovedì 11 giugno alle 21.10

In prima visione assoluta oggi 11 giugno alle 21.10 va in onda su Sky Arte HD (120 e 400 di Sky) “Dario Fo dipinge Maria Callas”, il documentario in cui il grande drammaturgo e premio Nobel per la Letteratura Dario Fo, dopo il libro “Una Callas dimenticata” e l’omonimo spettacolo teatrale del novembre 2014, scritto a quattro mani con la moglie Franca Rame, omaggia ancora una volta una delle cantanti più famose dell’ultimo secolo: Maria Callas. Attraverso la pittura, oltre 100 opere tra tele e bozzetti in mostra fino al 27 settembre presso AMO - Arena Museo Opera nella cornice di Palazzo Forti di Verona, e in un’intervista inedita il Maestro racconta la vita del leggendario soprano greco, dall’infanzia in America ai trionfi in Italia, dagli amori tormentati all’oblio degli ultimi anni.

Un’occasione straordinaria per conoscere la personalità carismatica e drammatica di un mito della lirica mondiale e per apprezzare il talento di un artista poliedrico, quale Dario Fo, che non tutti conoscono nelle vesti di pittore, sebbene ami definirsi “attore dilettante e pittore professionista”.

Dario Fo dipinge Maria Callas è una produzione originale realizzata da Ballandi Arts in esclusiva per Sky Arte HD.

Fino al 27 settembre, il Premio Nobel Dario Fo – che si dichiara “attore dilettante”, perché si sente molto più affine alla pittura – espone all’Arena Museo Opera di Verona una serie di opere di arte visiva, appunto, con le quali rappresenta la vita di Maria Callas, leggendario soprano greco che tuttora si considera regina indiscussa della lirica mondiale. Proprio il “pittore professionista” Dario Fo, nel corso dello speciale di Grandi Mostre – in onda giovedì 11 giugno in prima visione – racconterà a un gruppo di giovani visitatori e alle telecamere di Sky Arte HD l’esposizione Dario Fo dipinge Maria Callas ospitata da Palazzo Forti.

Supportato dalla compagnia di una vita – privata e artistica – Franca Rame, il drammaturgo di Mistero Buffo ha sintetizzato in immagini di grande impatto la biografia della Divina: dall’infanzia in America ai trionfi sui palcoscenici dei maggiori teatri italiani, dai tormenti sentimentali all’esistenza riservata degli ultimi anni, lontana dai riflettori. È un mito che l’artista ha approfondito a più riprese, quello della cantante lirica.

Nell’ottobre 2014, infatti, Dario Fo e Franca Rame hanno pubblicato per Franco Cosimo Panini il libro Una Callas dimenticata, mentre già il mese successivo portavano in scena l’omonimo spettacolo teatrale. Il cerchio si chiude con questa mostra, in prossimità proprio di quell’Arena di Verona dove la Callas debuttò nel nostro Paese.

http://arte.sky.it/temi/dario-fo-incontra-maria-callas/


From 28th of June to 8th of July extraordinary event in Alcatraz: ACTING CLASS WITH DARIO FO AND JACOPO FO

GREAT NEWS: for the first time with simultaneous translation

from Italian to English!

10 days to speak about theatre and art, passion and emotions, empathy and communication. We will compose theatrical works, write songs, we will play with the foundation of the art of miming and with the voice.

 

 

A workshop addressed to actors, directors and connoisseurs during which the basic aspects of writing and of the representation of a theatrical play will be explored.

The students will be able to measure themselves directly with the acting, the mimic and with the dialectic of scene together with Dario and Jacopo on a number of texts of Dario Fo and Franca Rame, living the exceptional experience of participating to a lab which recreates the authentic atmosphere lived within an acting company, entering, and living in full the method of work of a great author and interpreter of the Italian theatrical scene.

Sharing moments of the day, practising, listening to ourselves and to each other, learning from everyone's mistakes, experiencing moments of joy and games.

We believe of proposing once again what will be a unique experience: an out-of-the-box teaching of the classical lesson.

It will result on how the initial text is remodelled and revisited while playing in front of a public. How furthermore the narration is imposed by the story and may find its own natural balance starting from the meaning of what we want to say. In the theatre works of Dario Fo and Franca Rame, the choice of beauty standards is not made in base of an arbitrary formal taste indeed, but is inherent to the subject to represent.

Jacopo Fo, with his usual obsession for the comprehension of the details, will be describing the mechanisms that lie behind the acting performance, unveiling a few essential secrets of the job of an actor, "tricks" which by tradition have been learned by imitation but that today can be minutely and clearly described thanks to new astonishing scientific discoveries.

We will thus be speaking about how our mind works while we are acting, of how the public reads the scenic action in an almost subliminal way, and of how, knowing such simple and natural mechanisms, can be of good use to the narrator. The students will be furthermore allowed to bring some of their own compositions and to work together with Dario and Jacopo Fo to refine the acting and the direction. In this manner we will continue the training path and the work of support to new productions started back in October 2012.

Alcatraz, which for the past 30 years has been a Cultural Association and an accommodation facility, is also centre of production and assistance indeed, acting as incubator of new theatrical, music, graphic and literary creations.

In addition to the Nobel Prize Dario Fo, the following teachers will take part:

Eleonora Albanese (Zen Art)

Imad Zebala (the power of music)

Mario Pirovano (acting)

Fabrizio De Giovanni (acting)

Maria Chiara Di Marco (acting)

Eleonora Dalbosco (voice)

Angelo Airaghi (Tai Chi)

Jacopo Fo (the theatrical tale)

(Other unscheduled teachers are expected to take part)

The class will begin on Sunday the 28th of June at 21, 30 and will end on Wednesday the 8th of July after lunch.

Cost of 10 days of class + full board accommodation in Alcatraz:

€ 1.000,00 per person (camping with own tent or rv)

€ 1.260,00 per person (accommodation in bedrooms of 6-8 beds)

€ 1.310,00 per person (accommodation in bedrooms of 3-4 beds)

€ 1.590,00 per person (accommodation in bedrooms of 2 beds)

For further information about the accommodations call 075.9229911-38-39 or e-mail to info@alcatraz.it

How to get to the Free University of Alcatraz

By plane:

Click here for Perugia airport

Click here for Rome airport

By train:

Click here for Perugia station

 

Free University of Alcatraz - more information:

Location: The Free University of Alcatraz is a free association of citizens who enjoy the pleasure of good eating and good manners. It is a cultural association with lodging and food service for all members which was established in 1981 by Jacopo Fo, since 2004 it is also a demonstrative centre for eco-technologies. In 2011 it was awarded with the prize "Climate Friend" ("Amico del Clima") by Lega Ambiente for the results obtained in the ecological field and it accessed the Slow Food guide for the quality of cooking offered by its biological Restaurant.

The facility is not composed by a single building only, but by a number of stone houses and bungalows located on the side of the hill instead. The maximum distance is reached between the restaurant and the summer pool: 1.200 meters.

Surrounding Alcatraz there is not just a common park. There is a valley with a clear creek, abundant in fish and crabs, which streams down from woods and olive trees covered hills. A green land, rich of evidence from the past of man. From the remains of the Etruscan burial recesses, engravings on stones perched over the river, to the castles, the abbeys, the medieval villages and towers of which the area is scattered.

Not far from here the outstanding cities of Gubbio (22 km), Perugia (25 km), Assisi (35 km) can be reached.

Lodging: We offer a unique structure in Italy. The atmosphere does not recall that of a usual hotel, most of the bedrooms and of guest lodgings in general are not located within the central structure, you will be sleeping in ancient stone houses, medieval towers and refurbished and rearranged haylofts in country style in the most absolute respect of the surrounding ecosystem, in compliance with the highest standards of environmental eco-sustainability. Furthermore thanks to the cooperation of the accommodating structures located nearby, in the case our capacity should result insufficient, the guests will be lodged in agritourisms, rural homes and other lodgings located nearby with which we have been continuously cooperating for years in the organization of events and in offering a highest quality service to all guests.

Restaurant: For 30 years the restaurant of Alcatraz has been offering menus realized first quality, biological and biodynamic ingredients only, preferably at "Km 0". From grandma's recipes to more elaborate dishes, from the delicate taste of a potatoes and leeks velvet sauce to the Mediterranean cooking, to the pleasant spicy savouring of a multi-ethnic cookery. Traditionally buffet served breakfast, lunch and dinner, during which it is possible to enjoy starters, first and second courses, sides, fresh vegetables buffet, cake or fruit servings, bread, and dressings. Bread, in oil preserved foods, mayonnaise and marmalades are all home-made. A micro-filtered water fountain is available, which water is served in pitchers.

At the Alcatraz bar it is possible to find mineral water, wine of biologic agriculture grapes, artisan beers, alcoholic drinks, fruit juices and non-alcoholic drinks.

Click here for more more information: www.alcatraz.it

 




TAG: theater course, summer course, bilingual theater course, seminar, 

workshop, immersion, translation, interpreter, English, Dario Fo, alcatraz, Jacopo Fo, 

Perugia, Umbria, acting, acting, stage direction, art history, history of theater, Italy.