Vacanze estive alla Libera Università di Alcatraz

Lettera inviata al cantiere dell'Unione

Carissimi amici,
con entusiasmo partecipo alle primarie dell’Unione per la scelta del candidato sindaco di Milano. Sono molte le ragioni che mi hanno determinato a questa decisione e che mi legano a questa città: prima fra tutte è la sofferenza nel vederla deperire anno dopo anno.

Mi considero e sono, come d’altro canto Milly Moratti, Bruno Ferrante e Davide Corritore, un candidato dell’Unione che vuole concorrere alla gara per le elezioni amministrative di primavera come occasione imperdibile di rinascita della nostra città.

Con questo slancio e con questo spirito parteciperò alle primarie e con lo stesso spirito accoglierò il risultato del voto che designerà il candidato sindaco che, a quel punto, sarà il candidato di tutti.
Ho trovato ottima l’idea del Cantiere come luogo di un confronto comune e costruttivo tra partiti, associazioni e singoli cittadini per elaborare insieme le linee di un progetto profondamente innovativo per la città.
Per questo motivo sono assolutamente interessato a partecipare e a raccogliere i risultati di un lavoro che deve diventare patrimonio comune, al quale tutti devono concorrere e per il quale metto a disposizione le mie proposte e le mie capacità.
A tal fine vi prego di farmi conoscere tempi e modi per un incontro che sia anche programmaticamente operativo.
Dario Fo