People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet
Aggiornato: 5 min 27 sec fa

Il rilancio del fotovoltaico: più integrato e meglio accettato, meno costi più resa

Gio, 04/19/2018 - 00:04

Un aspetto di questa evoluzione è che si è andata modificando l’accettazione da parte della sensibilità collettiva, conseguente ad una maggiore attenzione ai temi ambientali e del risparmio energetico ed anche ad un maggiore integrabilità dei moduli negli edifici (con un impatto sempre minore).

Ciò ha inciso anche su una maggiore propensione da parte dei Tribunali, laddove ci siano state controversie, ad annullare i provvedimenti di diniego all’installazione se l’incompatibilità paesaggistica non era dimostrata in concreto dall’Autorità competente.

Ma i cambiamenti ci sono anche sotto altri aspetti, il fotovoltaico è oggi: più integrabile nei contesti anche “più delicati ” dal punto di vista paesaggistico grazie ai sistemi costruttivi, progettuali e ai progressi tecnologici; più efficiente nella resa e con maggiore capacità di accumulo ed è, soprattutto, molto più economico rispetto al passato.

Partiamo intanto dall’accettazione, e prima ancora dai fatti: due privati in due Regioni diverse, hanno visto, entrambi, rigettato il provvedimento autorizzatorio all’installazione di pannelli solari o fotovoltaici su proprie abitazioni o edifici di proprietà, in contesti soggetti a vincolo. E due sentenze del TAR, a cui i privati si sono rivolti, negli ultimi mesi, hanno affermato che i pannelli apposti sulla sommità di edifici in zone soggette a vincolo, pur necessitando di autorizzazione paesaggistica, non necessariamente si configurano come fattore di disturbo visivo, ma anche come evoluzione dello stile costruttivo, oggi accettata dall’ordinamento e dalla sensibilità collettiva…alla stregua di elementi normali del paesaggio. E che la loro presenza non configura ex se“un’ipotesi di incompatibilità paesaggistica, ma anche laddove questa venga effettivamente rilevata (e non basta l’essere visibile da punti pubblici), deve comunque essere dimostrata in concreto dall’Autorità competente.

Le Sentenze dei giudici amministrativi

Con più recente pronuncia del TAR Lombardia (Sentenza n. 496 del 21 febbraio 2018) – in linea con un orientamento giurisprudenziale che può considerarsi oramai consolidato, perchè già espresso anche da una Sentenza del TAR Veneto nel 2013- il giudice amministrativo ha accolto il ricorso presentato da un privato, il quale si era visto negare per due volte dalla Soprintendenza la possibilità di installare pannelli fotovoltaici su una tettoia.

Il Tar Lombardia, annullando il provvedimento di diniego della Soprintendenza, ha infatti affermato il principio generale secondo cui il diniego fondato su esigenze di tutela paesaggistiche “non può fondarsi su affermazioni apodittiche, da cui non si evincano le specifiche caratteristiche dei luoghi e del progetto”, ma deve bensì “verificare se la realizzazione del progetto comporti una compromissione dell’area protetta, accertando in concreto la compatibilità dell’intervento con il mantenimento e l’integrità dei valori dei luoghi”. Sottolinea inoltre che la normativa prevede l’impedimento assoluto solo nelle aree “non idonee” espressamente individuate dalla Regione.

Sulla stessa linea anche per la sentenza del TAR Campania Sez. II che l’ha preceduta di qualche mese (n.1458 del 5 ottobre 2017): il ricorso è stato ritenuto fondato perchè, l’apposizione di pannelli fotovoltaici sulla sommità di edifici ubicati in zone sottoposte a vincolo paesaggistico (p.e. quelle individuate direttamente dall’art. 142 e 143 del codice dei beni culturali) necessita senza dubbio della previa autorizzazione paesaggistica, trattandosi di un intervento idoneo ad incidere sull’assetto tutelato, ma va rilevato che, per negare l’installazione bisogna dare prova dell’assoluta incongruenza delle opere rispetto alle peculiarietà del paesaggio e del contesto. Anche qui non è ammissibile una valutazione astratta e generica, non supportata da effettiva dimostrazione di incompatibilità paesaggistica dell’impanto.

Cosa ne discende

Il legislatore ha codificato questa impostazione per quanto riguarda gli edifici di nuova costruzione già nell’art. 4 comma 1-bis del DPR n.380/2001, prevedendo come normale la presenza di impianti fotovoltaici. Diversi anni addietro , l’interesse pubblico collegato agli impianti che utilizzano fonti di energia rinnovabili era già stato definito nell’art. 1 comma 4 della Legge n.10/91.

I citati riferimenti normativi, le sentenze e la sempre più diffusa attenzione verso questo tipo di tecnologia condizionano inevitabilmente il giudizio estetico.
Sugli edifici esistenti e sui beni vincolati le due sentenze citate esprimono un fatto importante e nella stessa direzione, che produce conseguenze significative: nel caso di realizzazione di un impianto fotovoltaico in area gravata da vincolo paesaggistico, non dovrà essere il cittadino a dimostrare che il paesaggio non sarà compromesso dalla presenza dei moduli, ma, al contrario l’onere incomberà sull’Autorità, chiamata a provare l’esistenza di un reale contrasto tra le esigenze di tutela dei valori paesaggistici eventualmente protetti, e le caratteristiche specifiche dell’impianto.
Non sarà sufficiente motivare il provvedimento con una generica affermazione, ma sarà necessario che in concreto si numeri, e puntualmente individui, le esigenze di tutela del paesaggio in ragione delle quali il provvedimento di diniego viene adottato.

Pannelli mimetizzati nell’architettura di casa e integrati, anche in maniera artistica

L’ “accettazione” di cui si è parlato finora, in questi contesti specifici, che comunque in Italia sono diffusissimi, viene poi favorita da scelte progettuali di tipo integrato e anche dalle nuove soluzioni, ora disponibili, dalle forme e dai colori innovativi, per i pannelli.

Si parla di impianto fotovoltaico integrato quando la posa dei moduli avviene contestualmente alla realizzazione della copertura edilizia, o quando comporta l’eliminazione di parte del tegolato, ovvero quando i pannelli, oltre alla funzione di produrre elettricità, assumono il ruolo di elementi da costruzione. Ciò permette di ottenere un prodotto meglio mimetizzato nell’architettura dell’immobile ed è quindi la soluzione migliore in contesti di particolare rilevanza per necessità di tutela (elementi naturali o del paesaggio di contesto, centri storici, ecc).

I ricercatori del CSEM (Centro Svizzero di Elettronica e Microtecnica), già da diversi anni, sono stati capaci di unire all’efficienza energetica anche quel gusto estetico che manca ai più comuni pannelli. Un rivestimento nano-tecnologico applicato ad essi ha permesso di ottenere colorazioni e fantasie disponibili, ricche e complesse, in grado di adattarsi a qualunque contesto, forma edificio e applicabile a qualsiasi tipo di pannello fotovoltaico, anche se è già installato.

Particolarmente interessante è anche il progetto olandese Dutch Solar Design (DSD-PV), condotto dal Centro di Ricerca Energetica dei Paesi Bassi (ECN), dagli architetti di UNStudio, in collaborazione con gli ingegneri dell’Università di Scienze Applicate di Amsterdam. La tecnica utilizzata prevede l’applicazione di un inchiostro durevole e colorato sopra un pannello con celle fotovoltaiche integrate MWT (Metal Wrap Through – Spirali Metalliche).
Il colore viene mantenuto per l’intero ciclo di vita dei moduli, senza ridurre il loro livello di conversione, che è anzi maggiore rispetto alla media grazie all’utilizzo della tecnologia Back Contact. Si tratta della cella in silicio attualmente più efficiente, in cui i contatti non si trovano sulla superficie attiva, ma sono integrati nel retro, migliorando notevolmente la resa.
Il vantaggio di questa tecnologia è anche qui la possibilità di essere personalizzabile e applicabile a qualsiasi architettura. Si vanno a realizzare così pannelli solari con una fantasia che imita i mattoni o disegni più originali, con un’integrazione sempre maggiore al contesto e con un impatto visivo sempre più ridotto.

E già molte sono le aziende, anche Italiane, che commercializzano da alcuni anni moduli integrabili con celle colorate, si tratta di celle in silicio monocristallino, come quelle tradizionali, che corrisponde a celle di aspetto monocromatico, e celle in silicio policristallino che ha un aspetto molto gradevole per via dell’effettotexture irregolare; basta fare un giro sul web e si trovano pannelli con disegni e colori vari, con grado di efficienza di conversione pari ai pannelli classici. Nello specifico il silicio monocristallino supera, nella resa, di qualche punto percentuale, il policristallino, per cui -oltre all’aspetto- è indicato in contesti con spazi disponibili più contenuti.

L’evoluzione a 360°

Se a questi progressi e all’evoluzione normativa, si aggiunge che negli ultimi anni la ricerca ha fatto passi da gigante sviluppando, nel caso del fotovoltaico, pannelli sempre più performanti e batterie per l’accumulo che durano a lungo (consentendo una maggiore autonomia e quindi autoconsumo) e che i miglioramenti tecnologici hanno contribuito ad abbassare di molto i prezzi si deduce come questa tecnologia, grazie a tutto questo e alle detrazioni previste (prorogate), ha veramente molti più margini di sviluppo e diffusione rispetto al passato, perchè conviene.

Secondo il Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems, addirittura, in 10 anni l’efficienza media dei moduli è aumentata dal 12% al 17% , e in 25 anni, il prezzo di un impianto si è abbassato del 90%. In Germania, ad esempio, per impianti tra 10 e 100 kWp, si è passati da 14.000 €/kWp del 1990 a 1.270 €/kWp del 2016. Secondo la società di consulenza strategica Roland Berger, dal 2007 ad oggi il prezzo medio dei pannelli solari è sceso dell’80%, e non sono escluse ulteriori limature.
Le detrazioni in Italia anche per quest’anno arriveranno al 50% delle spese e il fotovoltaico sarà comunque un investimento conveniente sia per i prezzi raggiunti per moduli e inverter, sia per la tecnologia attuale che permette un maggiore accumulo ed una maggiore resa, con un maggior autoconsumo e conseguente risparmio in bolletta.

Il settore è davvero più che mai in evoluzione.

Fonti:
http://www.lexambiente.com/materie/beni-ambientali/73-giurisprudenza-amministrativa-tar73/13291-beni-ambientali-apposizione-di-pannelli-fotovoltaici-su-edifici-ubicati-in-zone-sottoposte-a-vincolo-paesaggistico.html

https://www.csem.ch/home

http://www.fotovoltaicosulweb.it/guida/fotovoltaico-realizzati-i-primi-pannelli-solari-bianchi.html

http://www.qualenergia.it/articoli/20170728-facciamo-il-punto-sul-fotovoltaico-dati-e-stato-dell%E2%80%99arte

http://infobuildingenergia.it/

https://www.ambienteambienti.com/rinnovabili-2018-fotovoltaico-basso-costo/

Foto nel testo: Photo by Scott Webb from Pexels

The post Il rilancio del fotovoltaico: più integrato e meglio accettato, meno costi più resa appeared first on PeopleForPlanet.

Cosa sono i Repair Cafè?

Mer, 04/18/2018 - 04:43
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_105"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/105/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/105/output/Aggiustotutto.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/105/Aggiustotutto.mp4' } ] } })

Video di Silvia Mela D’Orazi

The post Cosa sono i Repair Cafè? appeared first on PeopleForPlanet.

Ideonella salverà l’umanità?

Mer, 04/18/2018 - 04:39

C’era una volta (e c’è ancora, per fortuna) un pianeta noto nella Galassia con nomi diversi: Gaia, Pianeta Azzurro, Terra

Questo pianeta era ed è abitato da molte specie viventi tra cui una, dominante, costituita dagli umani. Questi, pur credendo di essere intelligenti, hanno combinato un po’ di casini, uno dei quali, forse il più pericoloso, si chiama “inquinamento da materie plastiche”.

Una roba davvero colossale: attualmente ogni anno finiscono nei mari OTTO MILIONI DI TONNELLATE di plastica.

Terra guardava con una certa perplessità e un ragionevole timore l’evolversi di questo disastro. Gli umani un po’ per volta assumevano consapevolezza del problema ma non riuscivano a frenare efficacemente il fenomeno che loro stessi avevano provocato. C’era chi segnalava il rischio che nel giro di pochi anni ci sarebbe stata più plastica nei mari che pesci ma c’erano anche Paesi (per esempio uno chiamato Italia) dove c’era un irragionevole consumo di acqua in bottiglie di plastica anziché quella buonissima che esce dai rubinetti.

E tutta questa plastica, ridotta in frammenti microscopici, si trova ormai dappertutto.

A questo punto Terra, che in fondo agli umani vuole bene (e anche ai pesci), decise che era arrivato il momento di intervenire.

Così provocò una scossettina, un movimento quasi inavvertibile in due laboratori (uno negli Usa, uno nel Regno Unito) dove degli scienziati stavano studiando un enzima che si nutre di plastica (PET) ritrovato (per caso?) in una discarica in Giappone. A causa della scossettina gli scienziati hanno inavvertitamente modificato l’enzima e hanno scoperto che, una volta modificato, questo enzima è molto più efficiente nel “mangiare la plastica” di quello esistente in natura.
John McGeehan, della School of Biological Sciences di Portsmouth, uno degli scienziati autori della scoperta, ha scritto nella relazione pubblicata nei giorni scorsi dall’American Academy Of Sciences: “La fortuna gioca spesso un ruolo importante nella ricerca scientifica…”. Ovviamente la Terra ridacchia.

L’enzima è stato battezzato con un nome da scienziati: Ideonella Sakaiensis 201-F6, per noi più semplicemente e affettuosamente Ideonella.

Ora Ideonella è in corso di perfezionamento e gli scienziati hanno fiducia che possa nel prossimo futuro dare un valido contributo alla lotta contro la spazzatura di plastica, mangiandola.

Nel frattempo sarebbe opportuno che noi umani dessimo il nostro contributo riducendo la dispersione delle plastiche. Una delle più devastanti sono i frammenti prodotti dal lavaggio in lavatrice dei capi sintetici.

Per porvi argine People For Planet ha proposto una legge che imponga l’applicazione di filtri efficaci alle lavatrici, una legge che promuoveremo in Parlamento appena il Governo sarà costituito. Puoi sostenerla anche tu con la tua firma.

Fonte: http://www.pnas.org/

Copertina: foto della balena “Plasticus” esposta all’Auditorium Parco della Musica di Roma. E’ lunga 10 metri ed è formata da 250 kg di rifiuti di plastica, la stessa quantità che ogni secondo viene gettata in mare.

The post Ideonella salverà l’umanità? appeared first on PeopleForPlanet.

La Green Transformation di Gela (VIDEO)

Mer, 04/18/2018 - 00:51
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_117"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/117/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/117/output/Green-Transformation_gela.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/117/Green-Transformation_gela.mp4' } ] } })

 

Credits video
Regia di Iacopo Patierno
Fotografia: Paolo Negro
Suono: Daniele Sosio

The post La Green Transformation di Gela (VIDEO) appeared first on PeopleForPlanet.

Viaggio nella riconversione green della raffineria di Gela, in Sicilia (VIDEO)

Mer, 04/18/2018 - 00:51

Il nuovo impianto produrrà green diesel, green nafta e green GPL da oli vegetali usati, grassi animali e sottoprodotti della lavorazione dell’olio di palma. Un esempio di economia circolare su scala industriale.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_115"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/115/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/115/output/Bioraffineria-gela.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/115/Bioraffineria-gela.mp4' } ] } })

 

Credits video
Regia di Iacopo Patierno
Fotografia: Paolo Negro
Suono: Daniele Sosio

The post Viaggio nella riconversione green della raffineria di Gela, in Sicilia (VIDEO) appeared first on PeopleForPlanet.

Green Refining: cosa sta succedendo a Gela?

Mer, 04/18/2018 - 00:38

La città di Gela, in Sicilia, sta vivendo un importante momento di transizione e riqualificazione industriale, avviato nel novembre del 2014 con la firma del Protocollo di Intesa tra Eni e istituzioni locali e nazionali e che passa attraverso la trasformazione della Raffineria: da polo petrolchimico per la raffinazione, stoccaggio e trasformazione degli idrocarburi nato negli anni ‘60, a quella che in termini tecnici si chiama “Green Refinery”, una raffineria verde di nuova generazione. Dopo la raffineria Eni di Venezia, quella di Gela rappresenta il secondo esempio al mondo di riconversione di una raffineria a ciclo tradizionale a “bio-refinery”, in grado di produrre “green diesel, green nafta e green GPL”.
Il discorso è tecnicamente lungo e complesso, ma cerchiamo di spiegarlo in modo semplice.

La crisi della raffinazione

Gli ultimi dieci anni il settore della raffinazione in Europa ha vissuto il periodo più critico della sua storia. Da un lato la competizione delle raffinerie di Asia e Medio-Oriente e il conseguente crollo dei margini, dall’altro le direttive del Parlamento Europeo sulla promozione dell’utilizzo dell’energia da fonti rinnovabili congiuntamente ai risparmi energetici e al contrasto del cambiamento climatico, in rispetto al protocollo di Kyoto, che hanno dato un forte impulso verso la produzione di biocarburanti.

La soluzione più semplice (e più praticata) sarebbe stata quella di chiudere i battenti, ma non per Eni che ha deciso di scommettere sulla riconversione dei siti industriali di Venezia prima e Gela dopo in impianti di raffinazione “green”.

La Bioraffineria di Gela

L’annuncio della riconversione di Gela è del 2014, a seguito di un Protocollo d’Intesa siglato nel mese di novembre tra Eni, il Ministero dello Sviluppo Economico, le organizzazioni sindacali, la Regione Sicilia, l’Amministrazione Comunale di Gela, le istituzioni e Confindustria.

Si legge sul sito dell’Eni:
Il progetto della bioraffineria, che sarà ultimata entro ottobre 2018, vuole ripensare la struttura della raffineria individuando soluzioni innovative attraverso cicli “verdi”, sostenibili sia dal punto di vista ambientale che da quello economico. Attraverso la valorizzazione degli impianti esistenti e l’applicazione di tecnologie proprietarie, la bioraffineria converte materie prime non convenzionali di prima (olio di palma) e seconda generazione (grassi animali, olii di frittura) in green diesel, green GPL e green nafta. Quella di Gela sarà una delle poche bioraffinerie al mondo in grado di trattare cariche unconventional in elevata quantità, intorno all’80%. L’impianto potrà lavorare materie derivanti da scarti della produzione alimentare, quali olii usati (UCO, used cooking oil), grassi animali (tallow) e sottoprodotti legati alla lavorazione dell’olio di palma (PFAD, acidi grassi). La costruzione del nuovo impianto di produzione idrogeno, “Steam Reforming” rappresenta la svolta per avviare la produzione entro il 2018 e consentire entro il 2019, con il completamento anche del secondo nuovo impianto di pretrattamento delle biomasse, l’utilizzo di materie prime di seconda generazione. Questa caratteristica renderà la raffineria di Gela un sito a elevata sostenibilità ambientale, in quanto farà uso di cariche che diversamente andrebbero smaltite come rifiuti, con aggravio dei costi per la comunità e impatto sull’ambiente. In linea con l’ultima normativa EU, ridurrà del 60% le emissioni di gas serra.

La Bioraffineria di Gela, in altre parole, instaura un percorso virtuoso di “economia circolare” permettendo di raggiungere elevatissimi standard di sostenibilità correlati alla riduzione in maniera significativa sia dei costi per la comunità sia degli impatti sull’ambiente derivanti dallo smaltimento dei prodotti di risulta.
Oltre ai benefici in termini ambientali, l’intervento di riconversione degli impianti esistenti consentirà di riqualificare il sito industriale, con ricadute positive sull’indotto locale sia nella fase di realizzazione sia di esercizio.

Un contributo importante viene anche dalla ricerca, “Presso il Centro Ricerche Upstream di San Donato vengono impiegate tecniche di analisi elementare e cromatografica, e tecniche spettroscopiche come la Risonanza Magnetica Nucleare (NMR), per studiare le caratteristiche di diverse cariche disponibili in commercio quali oli di frittura o grassi animali semilavorati. Conoscere approfonditamente ogni potenziale carica è il primo passo per ottenere biocarburanti sempre più efficienti e innovativi.

Cosa succederà nel 2020?

Il Green Diesel è il primo importante passo verso formulazioni sempre più avanzate che permettono di rispettare o addirittura anticipare le stringenti normative italiane ed europee sui biocarburanti. La normativa italiana prevede nel 2020 l’aggiunta di 10% di biocarburante nei prodotti immessi al consumo in Italia, di cui l’1,6% di biocarburanti avanzati. Green Diesel è addizionabile, teoricamente senza limiti di percentuale, nei gasoli autotrazione. Infatti, essendo ottenuto dall’idrogenazione di oli vegetali, non contiene ossigeno ed è totalmente idrocarburico, a differenza del biodiesel tradizionale. …. Green Diesel risponde a tutti i requisiti del “biocarburante perfetto”, e grazie alla flessibilità del processo Ecofining potrà anche essere ottenuto da grassi animali o olio di scarto nonché da fonti che il legislatore italiano definisce “avanzate”, quali gli scarti lignocellulosici opportunamente pre-trattati. Eni, grazie al suo impegno costante in ricerca e innovazione nel mondo dei carburanti, si appresta a far fronte ai prossimi impegni fissati dalla Commissione Europea, tra cui la riduzione delle emissioni di gas serra grazie all’uso di biocarburanti.

(Si ringrazia Mario Carfagna per le preziose indicazioni fornite)
(Copertina: foto di Paolo Negro)

The post Green Refining: cosa sta succedendo a Gela? appeared first on PeopleForPlanet.

A Gela un centro di formazione sulla sicurezza sul lavoro (VIDEO)

Mer, 04/18/2018 - 00:22

Tre anni fa era solo un sogno, oggi ha già formato 140 nuovi esperti di sicurezza sul lavoro.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_118"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/118/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/118/output/STC_Gela.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/118/STC_Gela.mp4' } ] } })

 

Credits video
Regia di Iacopo Patierno
Fotografia: Paolo Negro
Suono: Daniele Sosio

The post A Gela un centro di formazione sulla sicurezza sul lavoro (VIDEO) appeared first on PeopleForPlanet.

Ponti di primavera: idee e mete per partire

Mar, 04/17/2018 - 09:07

Quattro giorni di vacanza, dal 28 aprile al 1° maggio, oppure – per i più fortunati che possono aggiungere un paio di giorni di ferie – un super ponte che inizia da mercoledì 25 aprile: ecco come spendere al meglio questo break primaverile viaggiando. Tra città emergenti europee e borghi fioriti, itinerari a piedi e slow festival al mare.

Siviglia
È la destinazione numero nella classifica Best in Travel 2018. Premiata dalla guida Lonely Planet per le mostre in occasione dei 400 anni dalla nascita del pittore barocco Bartolomé Esteban Murillo, ma anche per la trasformazione che la città ha vissuto negli ultimi dieci anni. La capitale dell’Andalusia ha valorizzato le sue architetture barocche e arabe, reso pedonale il centro storico, realizzato una rete di piste ciclabili, tanto da diventare una delle città più “bike friendly” dell’Europa del Sud.
La primavera è la stagione migliore per visitare Siviglia, magica contaminazione tra cultura cristiana e araba, con la più grande cattedrale gotica del mondo, sorta sopra una moschea e dominata dalla Giralda, un incrocio tra un minareto e una torre campanaria. E con la fortezza dell’Alcazar: capolavoro assoluto dell’architettura mudéjar, una fusione tra barocco spagnolo, stili e materiali arabi, immerso in meravigliosi giardini. Oltre ai grandi monumenti ad affascinare di Siviglia è l’intrico di vicoli, piazzette, case bianche con i patios, i cortili andalusi abbelliti da azulejos e balconi fioriti. Un invito a perdersi, vagando senza meta in luoghi come il Barrio de Santa Cruz, l’antico quartiere ebraico, il Barrio de San Bartolomé e il quartiere Triana, l’anima flamenca di Siviglia, ma famoso anche per le ceramiche artigianali, sulla sponda opposta del fiume Guadalquivir rispetto al centro.
Info: visitasevilla.es .Volo diretto della Ryanair, da Orio al Serio, Bergamo per Siviglia.

Lubiana
All’ultima edizione della BIT, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, è risultata in cima alla lista delle mete emergenti europee. Città verde e a misura d’uomo, la capitale della Slovenia si gira facilmente a piedi o in bicicletta, iniziando dalle vie del centro storico, chiuso al traffico, sulle quali si affacciano palazzi barocchi e Art Nouveau. Si sale in cima alla collina dove c’è il celebre Castello, che vale una visita anche solo per la vista spettacolare su tutta la città dalla Torre panoramica e dalle mura. In primavera il lungofiume si trasforma in un luogo d’incontro a tutte le ore, animato da locali e ristoranti all’aperto e dal bel Mercato coperto (un giro tra i banchi, entro le 14, è il modo migliore per scoprire la cucina locale) progettato da Jože Plecnik, l’architetto che nel secolo scorso ha ridisegnato Lubiana. Per conoscere le sue opere si può percorrere la Plecnikova Pot, pista ciclabile che passa per il quartiere di Trnovo, con la casa museo dell’architetto, e arriva al Parco di Tivoli, il più grande della città. In battello, canoa, ma anche remando in piedi sul sup, come fanno i tanti giovani della città, si esplora il fiume Ljubljanica e s’incontrano i famosi ponti cittadini, come quello dei Quattro Draghi e il Triplice Ponte, che collega piazza Preseren e il centro storico.
Lubiana è una città universitaria ricca di vita e di cultura, soprattutto musicale: la sua filarmonica è tra le più antiche del mondo, mentre in giugno si svolge il festival di jazz più vecchio d’Europa.
Info: visitljubljana.com.

Trekking alle Canarie
Famose per il magnifico clima, le onde e le spiagge infinite, le isole Canarie hanno anche un lato montano e di natura selvaggia, che attira sempre più numerosi appassionati di trekking, viaggi a piedi e sulle due ruote. Il bello delle escursioni alle Canarie è che i sentieri attraversano territori e paesaggi di grandi contrasti: nel giro di pochi chilometri si passa dalle dune di sabbia alle foreste, ai vulcani. Tra le escursioni più famose dell’arcipelago, la salita al Monte Teide, sull’isola Tenerife: si attraversa il Parco Nazionale intorno al terzo vulcano più alto del mondo, fino ad arrivare alla gigantesca caldera formata da due depressioni semicircolari separate tra loro da rocce e colate di lava che formano un complesso straordinario di forme e colori, habitat di una flora di grande valore biologico. Un itinerario per veri camminatori (si raggiungono i 3.718 metri di altezza) che regala emozioni e una vista eccezionale sulle altre isole dell’arcipelago. La salita al Teide è uno dei trekking guidati inclusi nel viaggio di Zeppelin, tour operator specializzato in vacanze attive, che dal 22 al 29 aprile, vi porta a piedi alla scoperta delle bellezze naturalistiche dell’isola. Da 1.090 €, volo compreso, su zeppelin.it.

Merano, fioriture al Castel Trauttmansdorff

Merano, città giardino
La prima edizione del Merano Flower Festival è pronta a colorare la città altoatesina dal 27 al 29 aprile. Tre giorni di eventi per celebrare la bellezza e il rispetto della natura, tra la mostra mercato dei fiori al parco delle Terme, visite speciali ai Giardini di Castel Trauttmansdorff,
dove in questa stagione fioriscono oltre 300.000 germogli e boccioli (tulipani, narcisi, frillarie imperiali, ranuncoli, nontiscordardimé, papaveri d’Islanda…)., shopping di prodotti a chilometro zero. Durante la fiera sarà infatti presentato un nuovo progetto “green” che prevede il noleggio di una e-bike in città, per raggiungere, lungo percorsi segnalati, i masi contadini vicini, dove far incetta di formaggi, uova, latte, marmellate e biscotti fatti in casa.
Info: merano-suedtirol.it.

Genova e Pienza in fiore
Per gli appassionati di piante e fiori c’è l’imbarazzo della scelta. A Genova, dal 21 aprile al 6 maggio, torna Euroflora, immensa (e affollatissima) rassegna floreale, per la prima volta quest’anno in scena ai Parchi di Nervi: una location di 86 mila metri quadrati, tra giardini e ville storiche sullo sfondo del mare.
Altro spettacolo per gli occhi a Pienza, la piccola città ideale del Rinascimento in Val d’Orcia (Toscana), che dal 1° al 13 maggio si anima con la nuova edizione di “Pienza e i Fiori”. La piazza antistante il Duomo si trasforma in un meraviglioso giardino effimero, mentre le sale del Museo di Palazzo Borgia accolgono un capolavoro ritrovato: un luminosissimo paesaggio settecentesco del pittore romano Andrea Locatelli, fino ad oggi considerato disperso. 

La cupola affrescata della Cattedrale di Piacenza

Piacenza e i misteri della Cattedrale 
A Piacenza sia il 25 aprile che il primo 1°maggio si potrà visitare “I misteri della cattedrale. Meraviglie nel labirinto del sapere”: un nuovo percorso tra i luoghi sacri e i segreti del Duomo, che conduce fino alla celebre cupola affrescata dal Guercino. Fra le tappe dell’itinerario che coinvolge il Museo della Cattedrale, una mostra che riporta alla luce alcuni dei più preziosi codici miniati medievali (come il “Libro del Maestro” o il “Salterio di Angilberga”), e i giardini sul retro delle absidi del Duomo, resi accessibili per la prima volta. Raggiunta la cupola, i visitatori possono procedere lungo tutto il perimetro per ammirare da vicino gli affreschi del grande pittore emiliano del Seicento. Dagli scomparti con le immagini dei profeti al lunette con gli episodi dell’infanzia di Gesù e otto affascinanti Sibille, al fregio del tamburo e i due spicchi che raffigurano i profeti Davide e Isaia, dipinti dal Morazzone.

Piemonte: gita col cane all’Oasi Zegna
Approfittare di un giorno di festa per passeggiare nella natura e vivere una nuova esperienza con il proprio cane. Il ritrovo è all’Oasi Zegna, parco naturale tra le Alpi Biellesi, per un trekking di gruppo ideato “su misura” per le esigenze degli amici a 4 zampe dall’istruttrice cinofila Theodora Biganzoli. Sarà lei la capofila, insieme a una guida naturalistica, di questa passeggiata in cui gli animali avranno l’opportunità di muoversi in libertà e di socializzare tra loro. La giornata sarà animata anche da una divertente caccia al tesoro, un gioco per stimolare la curiosità e l’istinto da predatore dei cani, e da un picnic all’aperto, con cestini preparati da due agriturismi dell’Oasi Zegna.
La passeggiata è aperta a cani socievoli di tutte razze (dai 5 mesi in su): Info e prenotazioni: 340.8337640, info.dogs@libero.it, oasizegna.com.

Cilento: musica, sentieri e sapori
Non il classico concertone del primo maggio ma uno “slow festival” itinerante, tra musica, parole e la scoperta di un territorio Patrimonio Unesco. Si chiama VIVIAMOCILENTO e si svolgerà dal 25 al 30 aprile con ospiti come Morgan & Megahertz (25 aprile), i Morcheeba (27 aprile), il trio Sergio Cammariere, Gino Paoli, Danilo Rea (28 aprile) e Luca Barbarossa (29 aprile). Ogni giorno il festival proporrà itinerari a piedi alla scoperta di borghi di mare, fra cui Acciaroli e Pioppi, e degustazioni di prodotti tipici, dal fico bianco del Cilento alla mozzarella e ricotta di bufala campana, al carciofo di Paestum.
Info: viviamocilento.it.

The post Ponti di primavera: idee e mete per partire appeared first on PeopleForPlanet.

Sammontana green: più gusto con il gelato attento all’ambiente

Mar, 04/17/2018 - 04:25

I Bagnoli, imprenditori toscani conosciuti per i marchi Sammontana, Tre Marie e il Pasticcere, ne sono assolutamente convinti tanto che, dopo l’avvio di un percorso produttivo sostenibile, sono ora focalizzati sulla sensibilità del cliente. Facciamo qualche passo indietro: nel luglio del 2016 Sammontana Spa ha firmato un Accordo Volontario con il Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare impegnandosi a studiare, compensare e a ridurre le emissioni dei gas ad effetto serra derivanti dalla produzione dei suoi prodotti. Obiettivo dell’accordo era quello di perseguire, in modo certificato e trasparente, un approccio più attento alla sostenibilità e all’ambiente. Sammontana ha quindi calcolato l’impronta di carbonio (Carbon Footprint) di alcuni prodotti e ne ha compensato le emissioni relative ai gas a effetto serra.

Oggi, lazienda italiana da settant’anni protagonista del mondo del gelato, non solo ha mantenuto fede all’accordo con ottimi risultati ma ha deciso di fare di più! Grazie alla collaborazione con il C.U.R.A. Consorzio Universitario di Ricerca Applicata dell’Università degli Studi di Padova, si è dotata di una procedura operativa e di modelli personalizzati di “Eco-design” per commercializzare alternative progettuali più sostenibili. Con il risultato di un modello innovativo che riduce l’impatto ambientale ai vari livelli produttivi. I maggiori contributi al totale delle emissioni di gas ad effetto serra provengono dalle fasi relative ad acquisto e produzione di materie prime pari al 46,4% di carbon footprint, il 13,7% delle emissioni invece proviene dalla fase di realizzazione del prodotto, il 16,2% dalla distribuzione, 6,2% dalla fase d’uso, il 14,1% dal packaging e il 3,3% dalla sua fine vita. Ogni step, assicura Sammontana, sarà interessato da uno sviluppo migliorativo, ma, laddove non è possibile intervenire, si compenserà con l’acquisto di Carbon credit.

Abbiamo identificato i processi produttivi con un maggiore impatto ambientale su cui si potevano fare dei miglioramenti” spiega Carlo Felice Chizzolini, direttore generale industriale e ambientale di Sammontana Italia  “Dalle materie prime al packaging, alla fase produttiva, fino alla distribuzione, all’uso e allo smaltimento del contenitore”. Da qui nasce Prima Ricetta, in produzione dal 2018, il gelato pensato fin dalla nascita in chiave green, con ingredienti 100% made in Italy, senza coloranti, solo con aromi naturali e un nuovo eco-design.

Con eco-design s’intende “Il processo in cui inseriamo, nelle scelte per lo sviluppo di nuovi prodotti, le variabili ambientali” riporta Alessandro Manzardo, del C.U.R.A  “Preoccupandoci di quali saranno le conseguenze ambientali del lancio di un prodotto e come si svilupperà il suo ciclo di vita“. In questa direzione nasce una linea di prodotti che sostituisce il latte vaccino, più impattante a livello di Carbon Footprint, con il latte di mandorla, che abbatte l’uso di acqua del 44% . “Il nostro obiettivo è quello di tramandare alle future generazioni un’azienda migliore, non solo dal punto di vista economico” sottolinea l’amministratore delegato del gruppo Leonardo Bagnolima anche in un contesto ambientale migliore“.

Da un’indagine di Ippr, Legambiente ed Enea emerge una media di 670 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia. Tra gli oggetti più rinvenuti in termini di peso, abbiamo il 20% composto da packaging alimentare e non alimentare. A fronte di ciò, la Sammontana Spa vuole sensibilizzare proprio sulla decisione di acquisto del cliente, invogliando alla scelta di un gelato confezionato non solo per il buon gusto, ma anche per la consapevolezza che dietro a quel gelato c’è un processo di rispetto per l’ambiente con un uso più efficiente dell’acqua e dell’energia, con una selezione di materie prime certificate e con una gestione innovativa dei rifiuti e della logistica.

Oltre al marketing Sammontana s’impegna anche in attività sociali. Nel 2017 ha affiancato Legambiente con la campagna “Sammontana pulisce la spiaggia vicino a casa tua”, grazie alla quale sono state ripulite 20 spiagge libere e quest’anno scende in campo ancora con l’associazione ambientalista nella prevenzione e contrasto al problema dei rifiuti in plastica. Il progetto si svolgerà durante l’estate per nove settimane, coinvolgendo centinaia di volontari in attività di citizen science.

Che dire di più? Brava e buona Sammontana!

The post Sammontana green: più gusto con il gelato attento all’ambiente appeared first on PeopleForPlanet.

Il biomonitoraggio ambientale attraverso le api

Mar, 04/17/2018 - 04:17

Di Monia Tamburini

Le api e il miele
Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita: è una delle frasi più a effetto che popolano la rete e attribuite ad Albert Einstein (notizia poi smentita).
Chi sia l’autore di questa intuizione a noi può anche interessare poco… Ben altro rilievo ha invece la riflessione di quanto sia sottile il filo che ci unisce al mondo animale e di quanto si sottovalutino i segnali importanti che ci arrivano da esseri forti e allo stesso tempo delicati come le api.
Il risultato dell’attività delle api, il miele, ha una storia antichissima e le api “sociali” avrebbero un’età che va da 20 a 10 milioni di anni or sono. Un milione di anni fa compare l’uomo.
Le prime tracce che testimoniano l’uso del miele da parte dell’uomo, che probabilmente se ne cibava fin dalle origini, sono databili a circa 10mila anni fa su pitture rupestri scoperte in Spagna.
Al miele, così come all’ape, era attribuito un valore sacro e un’origine divina, come testimoniano diversi miti: quello di Zeus nutrito dal latte della capra Amaltea e di miele dalle figlie di Melisseo, di Dioniso allevato a miele da una ninfa, e di Aristeo, figlio di Apollo e della ninfa Cirene, che insegnò agli uomini l’arte dell’apicoltura.
Oggi il miele è una materia prima diventata insostituibile nell’alimentazione dello sportivo: tra le sostanze dolci è l’unico alimento che non subisce manipolazioni da parte dell’uomo, è fortemente caratterizzato da elementi naturali (api e piante) e ha il grande vantaggio di poter fornire all’organismo calorie prontamente disponibili.
Proprio per le sue modalità di produzione, il miele è un vero e proprio veicolo di monitoraggio del territorio: durante l’attività di bottinamento, vale a dire nella fase di raccolta del nettare che serve a produrre il miele, le api catturano e concentrano una miriade di molecole chimiche sospese nell’aria, disciolte nelle acque e radicate nel terreno e nelle piante. Grazie anche ad altre matrici, quali la cera e l’alveare come organismo collettivo, e per l’alta ricettività nei confronti delle variazioni dell’ecosistema in cui opera, l’ape è considerata il “bio indicatore per eccellenza” perfetta per biomonitorare l’ambiente.

Il biomonitoraggio
Il biomonitoraggio è uno strumento innovativo di controllo che può trovare varie applicazioni nel campo degli studi ambientali: permette infatti di rilevare gli effetti dell´inquinamento osservando organismi viventi e i loro parametri biologici attraverso lo studio di variazioni ecologiche dovute all´effetto di una o più sostanze inquinanti presenti nei vari comparti della biosfera.
Questi studi permettono di osservare eventuali modificazioni morfologiche, fisiologiche e genetiche sia a livello cellulare e di organismo, ma anche a livello di popolazione e di comunità.
Perché proprio le api e in particolare il loro prodotto d’eccellenza? Perché non tutti gli organismi sono adatti a essere impiegati come bioindicatori e le api – che già nel 1980 vennero definite “bioindicatori ideali” – per contro rispondono bene ai requisiti richiesti, tra cui la disponibilità d´informazioni biologiche e geografiche, la disponibilità di tecniche di campionamento affidabili e standardizzabili e i costi contenuti sia per il campionamento che per gli esami.
Da qualche anno la dottoressa Serena M. R. Tulini, della Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agroalimentari e Ambientali – Università degli Studi di Teramo, insieme al suo staff di aziende (Az. Agricola ApiLibere di Annalisa Casali; Api UniTe-Buzz Eco Scan; TerÁpia – MenteAlchemica) promuove un’importante attività di biomonitoraggio con le api: in particolare dal 2016, grazie alla sensibilità dell’azienda Ducati Motor Holding S.p.A., è attivo anche un progetto che, nell’ambito delle attività rivolte al controllo e contenimento delle emissioni tossiche, raccoglie i dati relativi allo stato di benessere di un’intera colonia di api.

Come funziona il biomonitoraggio attraverso le api?
Le famiglie di api si muovono entro circa 7 km di raggio rispetto al proprio alveare e sono circa 8000 i prelievi giornalieri dalle matrici ambientali (aria, acqua e suolo) che possono fornire dati qualitativi e quantitativi relativi alla salubrità o meno di un determinato ecosistema. A questi si aggiungono informazioni importanti riguardanti la combinazione e gli effetti sinergici degli inquinanti su ampio raggio.
La zona di studio del progetto di cui abbiamo detto sopra è costituita dal perimetro aziendale della sede produttiva Ducati di Borgo Panigale (Bologna): si tratta di un ambiente definito come area mista (urbana, industriale e agricola) per cui molto complessa, e questo ha permesso di indagare sulla presenza di pesticidi, metalli pesanti, cloruri, solfati e nitrati e altre classi tossicologiche. Si tratta di elementi che hanno la peculiarità di accumularsi e sedimentare all’interno degli organismi umani e animali: e allo stesso modo l’ape assorbe, cattura e raccoglie…
Il miele rappresenta la matrice di raccolta per il breve periodo mentre la cera viene utilizzata per le valutazioni di lungo periodo grazie alla sua natura lipidica che conserva a lungo nel tempo le sostanze inquinanti. Sulla base dei dati raccolti per tutto il periodo di monitoraggio i principi attivi ricercati (cioè quelli pericolosi per l’uomo) si sono rivelati essere quasi non percepibili (la soglia di rilevabilità e di 0,01 mg/kg). Gli alveari hanno prodotto circa 80 kg di miele e gli unici interventi dell’apicoltore (www.apilibere.itFacebook) sono stati di ordinaria profilassi.

Ciò nonostante ci sono stati due gravi episodi di mortalità registrati nel periodo tra giugno e settembre 2016: una distesa di api morte ha allarmato l’apicoltore. Sono stati raccolti quindi corpicini a campione e inviati in laboratorio per ricercarne la causa di morte, dove non sono stati evidenziati elementi tossici con valori rilevanti. Senonché anche nel periodo intorno alla metà di giugno 2017 si è assistito a un fenomeno simile: api morenti disorientate e scoordinate e api morte con ali aperte e ligula estroflessa, un classico scenario da intossicamento da glifosate. Perché non era stato rilevato in laboratorio? Perché la composizione chimica del glifosate non rientra nello studio delle classiche metodiche di analisi sui pesticidi per cui durante i prelievi di biomonitoraggio non sono state evidenziate anomalie Ma questo diserbante, che in effetti veniva utilizzato ciclicamente in azienda, è stato individuato come la causa principale di mortalità acuta e massiva delle api. Ovviamente è stato prontamente sostituito da un altro prodotto erbicida, e nelle ispezioni successive il tutto era rientrato nella norma.

Fonti:
– Ducati Motor Holding S.p.A.
– pH s.r.l. – Gruppo TÜV SÜD
– Az. Agricola Api Libere di Annalisa Casali (Codemondo-RE)
– Serena M.R. Tulini (Medico Veterinario SVETAP, Ricercatore presso Università degli Studi di Teramo)
www.arpae.it

The post Il biomonitoraggio ambientale attraverso le api appeared first on PeopleForPlanet.

Conoscete Antanas Mockus?

Mar, 04/17/2018 - 04:11
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_111"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/111/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/111/output/jacopo-fo-storia-mockus.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/111/jacopo-fo-storia-mockus.mp4' } ] } })

Nel video Jacopo cita un documentario su Mockus che abbiamo sottotitolato in italiano. E’ visibile qui.

Qui altre informazioni su Antanas Mockus

The post Conoscete Antanas Mockus? appeared first on PeopleForPlanet.

La Formula E a Roma (VIDEO)

Lun, 04/16/2018 - 10:20
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_123"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/123/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/123/output/Formula-E-prix.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/123/Formula-E-prix.mp4' } ] } })

Leggi qui come è andata la gara

The post La Formula E a Roma (VIDEO) appeared first on PeopleForPlanet.

Siria: il gas inventato e i finti bombardamenti con i missili

Lun, 04/16/2018 - 09:21

I media ripetono ossessivamente la versione ufficiale Usa, nonostante sia chiaro che Trump abbia gravi problemi comportamentali e sia un bugiardo seriale.
E pare che troppi si siano scordati della montatura delle armi di distruzione di massa che giustificò l’attacco all’Iraq di Saddam. Ti ricordi? Ci dicevano che era necessario fermare gli iracheni prima che compissero stragi immense… Poi di armi chimiche non se ne trovò neanche un bidoncino. Allora i bugiardoni erano Usa e Inghilterra. Adesso si sono aggiunti Francia e Russia.
È però sgradevole dover ammettere che al momento non abbiamo strumenti decisivi per scoprire qual è la verità e che il movimento pacifista pare addormentato.
Però possiamo esercitare l’arte del sospetto.
Le domande senza risposta sono troppe.
A partire dall’ex spia russa che con la figlia sarebbe stata avvelenata in Gran Bretagna.
Si discute sui campioni prelevati dagli inquirenti inglesi e consegnati alle autorità Onu che vigilano sulle armi chimiche; le analisi avrebbero rivelato la presenza insolita di un allucinogeno potente, e una concentrazione del gas che avrebbe dovuto uccidere all’istante le due vittime, che invece sono vive. E le due cose non avrebbero senso: perché dare un allucinogeno a due persone che vuoi ammazzare? Perché una dose industriale di gas micidiale non li ha uccisi?
I Siriani e i Russi poi negano del tutto che ci siano stati massacri con il gas in Siria. Forniscono video che proverebbero la costruzione ad arte di tutta la storia (vedi sito ufficiale russo in italiano https://it.sputniknews.com/).
Ma altri mormorano che il lancio di missili sia stato addirittura concordato con i Russi e abbia colpito solo aree militari dismesse. Una sceneggiata insomma per dar modo a Trump di far seguire le sue parole deliranti con fatti appariscenti quanto inconcludenti.
Che senso può avere questa sceneggiata? Cosa ci guadagna Trump da questo (forse scenografico) bombardamento? È solo marketing?
Certo che se gli equilibri internazionali sono in mano a una banda di strateghi del social web marketing siamo nella merda!
Questi non sanno dove vogliono andare. Sono dominati dalla sete di like.
Il che vuol dire che il momento è gravissimo.
È indiscutibile che esista un partito trasversale del caos che punta su guerre e distruzione, che vuole impossessarsi dei giacimenti petroliferi altrui e dei territori che saranno attraversati da oleodotti e gasdotti (che permetteranno a questo o a quello di diventare fornitori di combustibile in mercati colossali).
La situazione è però sempre più incasinata perché nuovi attori sono entrati in scena. È un fenomeno globale: nei parlamenti europei cresce sempre più l’influenza dei cosiddetti “partiti anti-sistema” e pure Trump è un fuori casta; e questi nuovi protagonisti hanno sparigliato gli equilibri tra i vecchi partiti; se guardiamo la situazione mondiale è simile: la Cina non si occupa più soltanto di produrre telefonini e magliette a basso costo: è partita con una campagna commerciale potentissima, grazie alla quale, ad esempio, si è accaparrata una bella fetta dei contratti per la ricostruzione dell’Iraq, il che sicuramente ha fatto incazzare il “Partito del Caos” statunitense che sperava di mungere l’economia irachena per decenni…
E anche in Africa la Cina sta andando avanti con un’incredibile invasione: conquista mega appalto dopo mega appalto: ferrovie, strade, dighe, infrastrutture industriali. E stanno spiazzando tutti perché loro non sparano, firmano contratti.
Il groviglio è grande anche perché il “Partito del Caos” Usa non è una forza lobbistica organizzata (che non ci lascerebbe speranze) ma un’orda di complotti secondari che si agglutinano mentre si azzannano tra loro, come le carovane di cercatori d’oro nella California del 1800, marciavano insieme, si sparavano addosso, si derubavano, e comunque ammazzavano collettivamente gli indiani.

Quel che possiamo fare per capire frammenti di quel che succede è guardare al passato recente (e inorridire).
I Russi sono governati da un manipolo di ex capi del Kgb, gente che ha passato la vita a spiare gli oppositori e a mandarli in Siberia, gli stessi che hanno lasciato una scia di orrori in Afghanistan e Cecenia
Dall’altra parte gli Usa hanno pagato Saddam perché combattesse l’Iran, poi i Talebani e Bin Laden perché combattessero i Russi, poi l’Isis perché combattesse il dittatore siriano, e continuano ad appoggiare i Sauditi, che la democrazia non sanno neanche come si chiama, e che stanno massacrando gente nell’Africa centro orientale.
In effetti hanno pure finanziato i Curdi contro l’Isis, erano gli eroi dei media mondiali. Adesso che i Turchi li stanno sterminando sono solo i figli della povera schifosa e che crepino facendo meno rumore possibile (avevano fatto lo stesso con i ribelli iracheni, durante la prima guerra irachena, prima li armarono e incoraggiarono, poi firmarono la tregua con Saddam lasciando che lui se li ammazzasse con calma).
I Francesi invece si sono distinti nella capacità di gettare la Libia nel caos pagando delinquenti comuni perché rovesciassero Gheddafi, colpevole di aver coperto d’oro Sarkosy. È stato come dotare la Ndrangheta di bazooka, mortai, razzi terra/aria, autoblindo e obici. Chiaro che poi ti combinano il casino generalizzato.

La grande domanda in realtà è un’altra: il movimento pacifista riuscirà a svegliarsi e fermare questa ondata di violenze e manipolazioni?
Quando si temeva la guerra in Iraq ci fu una grande reazione: 100 milioni di persone in piazza in tutto il mondo e milioni di bandiere della pace appese alle finestre in Italia. E non siamo riusciti a fermare quella follia.
Dopo almeno due milioni di morti e Afghanistan, Iraq, Siria e Somalia distrutti e milioni di profughi, possiamo dire che avevamo ragione a opporci alla guerra ma certamente abbiamo bisogno di inventare un modo diverso, più efficace di opporci.
Alcuni strumenti che funzionano veramente già li conosciamo. Alla vigilia dell’invasione dell’Iraq lanciammo una campagna di sciopero degli acquisti contro Esso e Shell. Fu un grande insuccesso, e si verificò che un conto è appendere una bandiera arcobaleno alla finestra, un conto è cambiare distributore di carburante quando hai già iniziato la raccolta punti per la telecamera.
Il mondo segue i soldi. E solo chi ha molti soldi ha potere.
In Italia ci sono circa 3 milioni di progressisti radicali, sparsi qua e là dal punto di vista del voto politico, ma che lavorano assieme nella cultura e nelle iniziative solidali ed ecologiche. Se solo 500 mila di questi oppositori radicali decidessero di comprare l’auto assieme, stipulare contratti concordati collettivamente con banche, telefonia e assicurazioni, avrebbero un enorme potere contrattuale, potrebbero risparmiare denaro e premere economicamente sulle grandi multinazionali che comandano il mondo: “Se stai col partito del caos non ti compriamo più!” E quanti sono gli oppositori radicali nel mondo? Che potere d’acquisto collettivo hanno?
Si potrebbe fare ma non si fa… Sembrano cose lontane, impossibili…

Alla fin fine l’esistenza della guerra è una questione di cultura come tutto il resto: i bambini ammazzati ti danno un brivido di disgusto ma passa subito.
Separare la nostra economia, individualmente, tutti i giorni, da quella dell’industria della morte richiede grande determinazione morale e la costruzione di una vera rete di economia etica.
Una rivoluzione culturale.
E mi sa che è arrivato il momento di iniziarla veramente.
Non vorrai mica lasciare il mondo in mano a questi pazzi?

The post Siria: il gas inventato e i finti bombardamenti con i missili appeared first on PeopleForPlanet.

Diversamente aperitivo al Bar Balzo

Lun, 04/16/2018 - 04:42
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_103"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/103/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/103/output/associazione-bar-balzo.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/103/associazione-bar-balzo.mp4' } ] } })

 

Dal sito dell’associazione di solidarietà familiare Il Balzo: “Se cerchi un giovedì sera divertente e diverso, venire al Bar Balzo è la mossa giusta: un ricco buffet e un’allegra compagnia renderanno speciale e originale il solito happy hour milanese. Parlare del gruppo di giovani volontari e delle famiglie dell’associazione impegnate in questa attività non basterebbe a spiegare l’atmosfera del nostro bar, se non ci fossero i ragazzi del Balzo a impreziosire l’ambiente con il loro contributo. Infatti i 13 giovani disabili che compongono lo staff del Bar Balzo sono i protagonisti della serata, prestando servizio ai tavoli e contribuendo alla trasformazione della nostra sala in un locale da aperitivo.

http://www.associazioneilbalzo.org

The post Diversamente aperitivo al Bar Balzo appeared first on PeopleForPlanet.

La giungla delle polizze assicurative

Lun, 04/16/2018 - 00:58

Unit linked, index linked, polizze con gestione separata, polizze temporanee caso morte, polizze infortuni, polizze pensionistiche… una giungla! Quanti mi chiedono delucidazioni su questi prodotti che scoprono, come la sorpresa dell’uovo di Pasqua, di avere tra i loro investimenti.

Eppure per oltre un ventennio in banca si e’ venduta tanta di “questa” merce che oggi nei portafogli degli italiani la probabilità che sia presente (o sia stato presente) un prodotto del genere e’ quasi pari al 100%.

E’ vero che quello di proteggersi contro i rischi è uno dei bisogni più antichi dell’uomo ma e’ altrettanto vero che spesso i risparmiatori italiani non sanno neppure perché hanno sottoscritto una polizza assicurativa. Perché, lo ripetiamo da tempo, in banca non si acquistano prodotti. Nessuno (o pochi) entrano in banca con l’idea precisa di comprare qualcosa. In banca, purtroppo, i prodotti si vendono solo perché c’è qualcuno che ti pressa per acquistarli!

Ad ogni modo gli obiettivi per i quali si può scegliere un prodotto assicurativo possono essere diversi. Può essere per un’esigenza di risparmio o investimento (rientrano in questa categoria le polizze di ramo vita il cui rendimento è legato all’andamento di una gestione separata o a uno o più indici o fondi assicurativi). Oppure per una protezione del patrimonio (polizze per la responsabilità civile auto o del capofamiglia o per la protezione dell’abitazione). Esistono polizze per la protezione della persona (tutela in caso di morte, infortunio, invalidità o perdita del lavoro). Infine le polizze possono essere utilizzate per integrare la futura pensione (fondi pensione e piani individuali pensionistici).

In Italia le polizze più vendute (e, in pochi casi, richieste) sono quelle di risparmio proposte dalle banche e compagnie di assicurazione come alternativa a investimenti come azioni, obbligazioni o titoli di Stato. Sembra (eufemismo!) quindi che l’esigenza primaria non sia né quella di copertura del rischio (morte, furto, danni) né quella previdenziale, ma quella del risparmio.

Per tale motivo cercheremo di dare semplici e inderogabili consigli solo per questi prodotti.

Cosa occorre sapere
Nei prodotti di investimento il risparmiatore versa un capitale con l’obiettivo di ottenerne una rivalutazione. In questo caso la copertura assicurativa per morte o infortunio di solito è presente in misura minima. La compagnia assicurativa non corre quindi alcun rischio dato che, in caso di decesso dell’assicurato, si limita semplicemente a corrispondere agli eredi il capitale versato, con o senza rivalutazione.

Ci sono tre tipi di polizze: Unit linked, index linked e polizze vita legate a una gestione separata.

In ogni caso il contratto è denominato “assicurazione sulla vita” e prevede la presenza di tre figure. Il contraente è la persona che stipula il contratto di assicurazione e s’impegna al versamento dei premi alla società. L’assicurato è la persona sulla cui vita viene stipulato il contratto. Il beneficiario è la persona designata in polizza dal contraente, che riceve la prestazione prevista dal contratto quando si verifica l’evento assicurato.
In questo tipo di prodotto le somme versate vengono suddivise su uno o più fondi interni creati dalle stesse compagnie che poi investono in fondi comuni di investimento. Vi starete chiedendo: per quale motivo devo fare questo duplice passaggio se il funzionamento di tali strumenti è del tutto simile ai normali fondi comuni di investimento? Semplice! Perché bisogna remunerare sia la banca che la compagnia di assicurazione, entrambe molto spesso appartenenti allo stesso gruppo finanziario.

La struttura dei costi dell’investimento prevede infatti diversi livelli: quasi sempre è previsto un caricamento iniziale (commissione per la compagnia) elevato, che decurta in partenza l’investimento. Il fondo interno prevede inoltre commissioni di gestione che variano in misura proporzionale a seconda del profilo di rischio. I fondi di investimento sui quali è investito il fondo interno prevedono a loro volta altre commissioni di gestione e possono avere commissioni di performance. Per ultimo, in caso di riscatto nei primi anni dal momento della sottoscrizione possono essere previste penali decrescenti nel tempo.

L’altro aspetto da tener presente riguarda la garanzia del capitale investito.

Per le unit linked e le index linked non è prevista alcuna garanzia contrattuale di mantenimento del capitale inizialmente versato, neppure in caso di decesso dell’assicurato. Solo le polizze vita collegate a una gestione separata prevedono contrattualmente la garanzia del capitale inizialmente investito. Il patrimonio dei clienti è infatti giuridicamente separato da quello della compagnia; quindi in caso di fallimento di quest’ultima, i risparmi investiti sono al riparo e tutelati, ovvero non aggredibili dai creditori della gestione separata che solitamente risulta investita in titoli di stato (in prevalenza) e obbligazioni societarie.In caso di proposta di questo tipo di prodotto è bene quindi valutare attentamente il prospetto informativo e soffermarsi sui costi complessivi oltre che sul profilo di rischio dei fondi interni assicurativi, che talvolta può risultare molto alto per giustificare elevate commissioni di gestione.

Per il resto, per la complessità dei prodotti, rivolgetevi a un consulente finanziario indipendente.

Gli squali sono in agguato!

The post La giungla delle polizze assicurative appeared first on PeopleForPlanet.

Conoscete Il Tappeto di Iqbal?

Dom, 04/15/2018 - 04:52

Il Tappeto di Iqbal è un’associazione che ha sede nel quartiere Barra di Napoli. Attraverso il teatro, la giocoleria, la musica, Giovanni Savino e i suoi collaboratori aiutano i ragazzi meno fortunati a costruirsi un futuro, a non abbandonare la scuola e a non cadere nella mani della criminalità.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_102"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/102/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/102/output/tappeto-iqbal-napoli.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/102/tappeto-iqbal-napoli.mp4' } ] } })

Il sito de Il Tappeto di Iqbal https://www.iltappetodiiqbal.com

The post Conoscete Il Tappeto di Iqbal? appeared first on PeopleForPlanet.

Ballando con il cuore… abbracciando la vita

Dom, 04/15/2018 - 04:38
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_87"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/output/tangoterapia_sigla.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/tangoterapia_sigla.mp4' } ] } }) Video di Oriana Boselli.

È sabato mattina, ci troviamo all’interno dell’ICC, l’Istituto Clinico Cardiologico di Roma; i partecipanti del laboratorio di tango-terapia “Balliamo col cuore” arrivano puntuali, chi da diverse parti di Roma, altri direttamente dal reparto di degenza dalla struttura, dove hanno da poco subito interventi cardiochirurgici.

L’ambiente è rilassato, cordiale, sereno: c’è posto per i sorrisi, gli abbracci e due chiacchiere; si capisce subito che non è il solito contesto medico di riabilitazione con camici bianchi e musi lunghi.

Le due terapeute che conducono il corso, la dottoressa Lucilla Croce (psicologa dell’equipe della riabilitazione cardiologica presso l’ICC) e la dottoressa Delia Caridi, fanno accomodare i partecipanti seduti in cerchio per due parole iniziali, a seguire si comincia con esercizi di riscaldamento per poi andare su quelli più specifici che riguardano i linguaggi del tango.

Le psicoterapeute adattano gli esercizi in base ai partecipanti: oggi c’è un paziente che ha subito un importante intervento al cuore da soli dieci giorni. Gli esercizi che si basano sul linguaggio tanghèro pongono l’attenzione sulla ricerca dell’altro attraverso lo sguardo, detto “mirada”, la connessione emotiva e dei corpi, la camminata consapevole, gli abbracci, la respirazione.

Questa è solo una piccolissima parte di tutto il lavoro, perché quello che emerge spontaneamente sono i vissuti emotivi.

Le emozioni sono difficili da descrivere, bisogna viverle in prima persona, perché ognuno di noi sperimenterà vissuti diversi all’interno di un contatto con un’altra persona.

Alla fine si torna seduti in cerchio e si esprimono le sensazioni provate, ci si confronta sull’esperienza, aiutati dalle psicoterapeute nella rielaborazione dei vissuti. In questo momento di condivisione le prime parole sono: “Mi sono distratto dalla vita quotidiana, dai problemi dalla malattia e mi sono fermato ad ascoltare il mio corpo, il mio respiro, le sensazioni che trasmetto e che provo in un abbraccio”.

Una partecipante che aveva avuto un recente lutto ha detto che questi momenti le donano serenità, rilassatezza e senso di condivisione e che anche grazie a questo, è riuscita a superare un brutto momento di depressione.

In questi incontri si esce dalla solitudine, dai propri vissuti legati alla malattia e da paziente si torna ad essere ‘persona’.

Questo laboratorio è uno spazio interiore, un lusso che ci si concede raramente.

Chiedo alla dottoressa Lucilla Croce, psicologa, psicoterapeuta, specialista in Psicologia della Salute, e ideatrice del progetto “Balliamo col cuore”: “Cosa è la tango-terapia?”

“E’ utile precisare che un laboratorio di tango-terapia non è una lezione di tango finalizzata solo all’apprendimento dei passi, non si approfondiscono più di tanto gli aspetti tecnici ed estetici delle figure. La tango-terapia utilizza principalmente gli strumenti del tango argentino (il ballo, la musica, i codici, la sua filosofia, la sua cultura) per poter esplorare le proprie risorse individuali, il proprio stile di contatto e di relazione con se stessi e con gli altri. La psicologia e il tango, sotto molti aspetti, hanno in comune lo stesso linguaggio: ascolto, fiducia, relazione, contatto, ruoli, sono tutte tematiche che ritroviamo in entrambe le discipline. Il tango, in ultima analisi, è una metafora della vita. Il termine ‘terapeutico’ in questo caso, si riferisce alla possibilità di promuovere un senso di benessere personale, che agisce a livello bio-psico-sociale, grazie anche a una maggiore consapevolezza di sé, attraverso l’esperienza che passa dal corpo e dall’incontro con l’altro. Il corpo rappresenta il nostro essere nel mondo, è la nostra ‘struttura’ e ha una sua memoria, che registra, conserva, mostra e dimostra ciò che siamo”.

Per questo nel tango è impossibile mentire, perché nel linguaggio del corpo ritroviamo tutte le nostre esperienze, le nostre memorie, le nostre rigidità e la capacità o meno di saperci fidare e affidare all’altro. La possibilità di mettersi in ascolto del nostro corpo, consente di entrare in contatto con quei segnali complessi a cui non dedichiamo quasi mai la giusta attenzione, come gli stimoli sensoriali, propriocettivi e cinestetici. Questi stimoli vissuti nella consapevolezza possono essere integrati a livello cognitivo, permettendo una maggiore comprensione di sé.

Anche lo yoga, il pilates e le varie forme di ginnastica usano il corpo per conseguire un miglioramento del benessere, ma nella tango-terapia il corpo non esegue soltanto esercizi individuali, qui il corpo si relaziona anche con un partner e con un gruppo di persone più ampio.

“Il ballo del tango – continua la dottoressa Croce –  stimola l’ascolto dell’altro, diventa un potente strumento di dialogo intimo tra due corpi, che devono conoscersi e riconoscersi per poter generare un movimento quasi all’unisono, che nasce da un’improvvisazione, dall’essere presenti ‘nel qui e ora’. La magia del tango è tutta in quel miracoloso fluire che può derivare solo da una comunicazione profonda, una connessione che scaturisce dall’incontro autentico di due identità”.

In questo laboratorio, in particolare, si parte dalla necessità di una riabilitazione fisica e psicologia delle persone che hanno avuto esperienze di patologie legate al cuore, per poi ampliare lo sguardo sulla promozione del benessere della persona in generale e in relazione con gli altri. Nel caso specifico, gli incontri sono infatti aperti a tutti, familiari e amici dei pazienti, ma anche a chi problemi (medici) di cuore non ne ha. Questo permette una maggiore integrazione tra le persone, indipendentemente dal loro stato di salute, per evitare che ci si etichetti o si venga etichettati come ‘pazienti’ o peggio ancora come ‘malati’.

Chi può partecipare a questi laboratori?

Tutti possono approcciare a questo tipo di esperienza, seguiti da professionisti esperti, che, oltre alla conoscenza del tango, sappiano gestire le dinamiche di gruppo e i vissuti, anche di profonda entità emotiva, che possono emergere. Inoltre non è necessario saper ballare né essere in coppia.

Quali benefici porta?

I principali benefici riconosciuti da questo tipo di esperienza sono prima di tutto in termini di benessere generale, comprendendo la persona nella sua totalità e non focalizzando l’attenzione (come ancora fa la medicina ufficiale) solo sulla parte dolente del paziente, spesso senza considerarne gli aspetti psicologici e sociali.

Questo ballo mette in moto le emozioni e tutti i muscoli del nostro corpo, si sono riscontrati benefici a livello motorio, cardiovascolare, neurologico e psicologico.

Nell’abbraccio e nel movimento, accompagnato dalla musica che trasporta corpi ed emozioni, si producono endorfine e viene stimolato l’ormone dell’attaccamento emotivo, l’ossitocina.

Dall’intervista al cardiologo promotore del laboratorio di tango-terapia all’interno dell’ICC, il dottor Massimo Romano, responsabile della riabilitazione cardiologica, emerge una profonda consapevolezza dei benefici di questo approccio.

“Come nasce il progetto d’inserire la tango-terapia in questo specifico contesto medico, quello della riabilitazione cardiologica?

“Questo progetto nasce dal bisogno di andare oltre la semplice riabilitazione medica e fisioterapica dei pazienti cardiopatici o cardiochirurgici.

Inizialmente la riabilitazione cardiologica si focalizzava sulla ricerca di un recupero meccanico, respiratorio e muscolare, ma ci siamo accorti che questo non bastava. Nella nostra pratica clinica è chiaramente emersa la necessità anche di un recupero psicologico, perché l’uomo è qualcosa di più, è emozione, sensazione.

La tango-terapia ci permette di ripristinare il benessere personale come emozione psicofisica dell’individuo, in rapporto alla coppia, alla famiglia, agli altri, al gruppo e in ultima analisi, all’universo di cui siamo parte.”

Senza dubbio un medico illuminato, proveniente dalla medicina occidentale e ufficiale, che non tratta i pazienti come macchine a cui aggiustare pezzi rotti, ma vede la persona intera nella sua complessità.

The post Ballando con il cuore… abbracciando la vita appeared first on PeopleForPlanet.

E-Prix di Roma: vince Bird di fronte a 45 mila spettatori. Nuove batterie e più potenza per la Gen 2

Dom, 04/15/2018 - 01:29

Molto amato dai piloti il percorso di gara, che con i suoi 2.860 metri e 21 curve è tra i più lunghi del campionato. Sono 33 i giri totali percorsi dalle monoposto elettriche dopo la grande partenza da piazza Marconi. Vince Sam Bird dopo una gara ricca di colpi di scena.

La gara

Semaforo verde alle ore 16 e griglia di partenza che vede nelle prime 3 file Rosenqvist e Bird, Evans e Lotterer, Buemi e Di Grassi. Partenza al 17esimo posto per Luca Filippi, l’unico italiano in gara, che chiude poi in 13esima posizione.
Al comando Rosenqvist finché, clamorosamente, esce di scena a 10 giri dalla fine per colpa della rottura della sospensione posteriore sinistra e resta fermo ad un lato della pista. Nella seconda metà della gara si infiamma la lotta per il podio. La spunta Bird, che vince la sua seconda gara della stagione e si rimette in corsa per il campionato guidato da Vergne, oggi quinto. Secondo podio della stagione invece per Lotterer. Ritirati Lopez, Rosenqvist, Piquet e Lynn.
Grandissima la festa a fine gara, con i piloti che simbolicamente sfilano in mezzo alla folla per raggiungere il podio, una folla partecipe ed entusiasta che decreta il successo crescente di questo campionato giunto alla sua quarta stagione. A premiare i vincitori, la sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, e il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani.

La classifica finale

  1. Sam Bird (DS Virgin Racing)
  2. Lucas Di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler)
  3. André Lotterer (Techeetah)
  4. Daniel Abt (Audi Sport Abt Schaeffler)
  5. Jean-Éric Vergne (Techeetah)
  6. Sébastien Buemi (Renault E.Dams)
  7. Jérôme D’Ambrosio (Dragon Racing)
  8. Maro Engel (Venturi Formula E Team)
  9. Mitch Evans (Panasonic Jaguar Racing)
  10. Edoardo Mortara (Venturi Formula E Team)
  11. Antonio Felix da Costa (MS&AD Andretti Formula E)
  12. Oliver Turvey (Nio Formula E Team)
  13. Luca Filippi (Nio Formula E Team)
  14. Nicolas Prost (Renault E.Dams)
  15. Tom Blomqvist (MS&AD Andretti Formula E)
  16. Nick Heidfeld (Mahindra Racing)
Biglietti sold out, indotto record e 700 colonnine di ricarica per Roma

I 15 mila biglietti di tribuna sono andati esauriti in poche ore, su richiesta del Comune sono stati aggiunti posti gratuiti per permettere a cittadini e turisti di assistere all’E-Prix lungo il percorso di gara. In tutto si è parlato di qualcosa come 45 mila spettatori, incoraggiati anche dal bel tempo. Un segnale di interesse molto forte, non soltanto per la gara ma anche per i veicoli del futuro. Coinvolto anche Papa Francesco, che ha benedetto una monoposto.
Secondo quanto annunciato da Virginia Raggi, per la città l’indotto sarà di 60 milioni di euro in 3 anni. Previsto anche un aumento dei turisti per il periodo della gara, fra i 30 e i 40 mila in più. Dal punto di vista della mobilità, l’E-Prix è stato un’ottima occasione per rilanciare il tema di una svolta in chiave sostenibile: nel triennio saranno installate 700 colonnine di ricarica “che saranno lasciate alla città in eredità dalla Formula E” e frutto degli investimenti di Enel in collaborazione con Acea.

La grande macchina organizzativa è partita mesi fa, ma i lavori veri e propri per allestire il tracciato sono iniziati il 3 aprile e si sono svolti durante la notte per evitare disagi al traffico cittadino. Web e app aggiornate ad hoc hanno provveduto a garantire un’informazione in tempo reale sulle modifiche alla viabilità e ai tragitti dei mezzi pubblici.

Dovrebbero essere tutti salvi i sampietrini presenti in alcune aree come quella di fronte al Palazzo dei Congressi, dedicata alla pit lane. L’asfalto poggia su un letto di sabbia, sulla falsa riga di una procedura già sperimentata durante la tappa di Parigi e che consente una rimozione rapida e senza conseguenze.

Largo alle Formula E Gen2: le batterie delle vecchie monoposto saranno riciclate

Al momento il pubblico assiste al triste spettacolo del cambio macchina a metà gara, simbolo di tempi non ancora maturi per una vera svolta verso una mobilità elettrica che garantisca performance di lunga durata. Il prossimo anno tutto questo è destinato a cambiare. La quinta stagione vedrà protagoniste le Formula E Gen 2 e cadranno in disuso le batterie Williams; le nuove batterie saranno fornite da McLarenApplied Technologies e garantiranno una capacità nettamente superiore, pari a 54 kWh (rispetto a quella delle batterie attuali di 28 kWh) e in grado di portare i piloti fino a fine gara seduti sulla stessa monoposto. Inoltre, le batterie saranno uguali per tutte le squadre.
Anche la potenza sarà maggiore, da 200 kW (270 cavalli) di oggi si passerà a 250 kW (340 cavalli). Le velocità di punta toccheranno i 300 km orari.

Ma le batterie attuali non diventeranno rifiuti.
Alessandro Agag, il creatore del campionato FIA di Formula E, ha confermato in questi giorni che saranno riutilizzate in vario modo. “Le batterie hanno il potenziale per vivere più a lungo se non adoperate in un contesto super-competitivo. Quindi essere usate nei laboratori, piuttosto che nelle scuole o per la conservazione dell’energia solare. Noi certamente le riutilizzeremo, dato che sono di nostra proprietà”, ha spiegato Agag in un’intervista a Motorsport.com. Esiste già un grande magazzino destinato a riciclare le batterie dei veicoli elettrici, almeno il 99% sarà reimpiegato.
Stesso discorso per i telai: “Le macchine di questa generazione tra 40-50 anni assumeranno un grande valore ed infatti diverse persone mi hanno chiesto di poterle comprare per aggiungerle al loro parco. Alcune andranno a loro, altre agli eventi dell’organizzazione. Io stesso vorrei comprare l’auto che ha trionfato nel primo ePrix, ma dovrò pagare l’azienda per averla”, ha aggiunto Agag.

The post E-Prix di Roma: vince Bird di fronte a 45 mila spettatori. Nuove batterie e più potenza per la Gen 2 appeared first on PeopleForPlanet.

Ridurre l’inquinamento e il traffico con il crowdshipping: una nuova sfida per la sharing economy

Sab, 04/14/2018 - 04:03

Pensiamo a un ragazzo che tutte le mattine fa lo stesso tragitto per l’università. Potrebbe sfruttare il suo spostamento per portare un oggetto a qualcuno all’università, senza deviazioni dal suo percorso. Con il crowdshipping ogni movimento di una persona diventa un’opportunità per altri di ricevere e spedire merci da/verso qualunque meta del mondo.

Per il momento è ancora un fenomeno marginale ma sono molte le università che stanno studiando i modi per ottimizzare questa pratica e molti sono anche i professionisti che pensano di aprire queste nuove attività. Fra il 2014 e il 2015 è iniziato un forte incremento delle startup di crowdshipping, che induce a ritenere che le aziende stiano investendo nel settore. Nell’ultimo decennio sono nate 49 iniziative in Europa e 48 negli Stati Uniti. I Paesi più avanti sono gli Usa (18% di piattaforme) e la Francia (11%). Alcune esperienze hanno fallito, altre non sono riuscite ad allargare il mercato. Altre si stanno facendo strada.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una crescita dell’utilizzo dell’e-commerce e, insieme alle polemiche per i tanti corrieri che percorrono le strade, si sono moltiplicate le idee per rendere le spedizioni più sostenibili.

Il mercato delle consegne di pacchi è cresciuto del 48% negli ultimi due anni, secondo il Parcel Shipping Index di settembre 2017, l’indice di Pitney Bowes che monitora 13 Stati fra cui l’Italia. Il crowdshipping porterebbe a un evidente risparmio di emissioni nocive e a diminuire la congestione delle strade nelle aree urbane.

Che le città siano inquinate non è un mistero. Secondo il rapporto della Lancet Commission on Pollution & Health, l’inquinamento provoca nel mondo nove milioni di morti all’anno.

Anche il traffico è un problema grave. Si calcola che ogni cittadino paghi circa 700 euro a anno a causa della congestione stradale, che aumenta le emissioni e allunga i tempi di viaggio, secondo un’analisi di Confcommercio e Isfort del 2015.

E quante volte capita di vedere una coda di macchine che hanno a bordo una sola persona? Le automobili e i veicoli pesanti sono un mezzo di trasporto inefficiente a causa del basso fattore di carico. Secondo una stima dell’Ademe (Agence de l’Environnement et de la Maitrise de l’Energie) in media ogni automobile produce 140 grammi di CO2 per chilometro percorso. Utilizzando i dati della piattaforma colis–voiturage si può calcolare che per ogni chilometro percorso in crowdshipping si risparmierebbero 10 grammi di CO2.

Un gruppo di professori dell’Università Roma Tre ha scelto di usare come campione i propri studenti per valutare le regole da applicare per un crowdshipping ottimale. L’87% degli intervistati in linea di principio accetterebbe di fare da corriere dietro un compenso adeguato: il guadagno medio indicato è di 5 -10 euro a consegna. Le iniziative esistenti provvedono invece una retribuzione media di 2-4 euro. Il 93% di loro sarebbe ben disposto ad accettare i beni recapitati in questo modo a certe condizioni, soprattutto sulla puntualità del recapito. Dal sondaggio è uscito lo studio “Analisi del crowdshipping come soluzione innovativa per promuovere la crescita e la sostenibilità delle aree urbane” di Michela Le Pira, Edoardo Marcucci, Valerio Gatta e Céline Sacha Carrocci, pubblicato nel 2017. I ricercatori notano come il successo dipenda molto dalla consapevolezza della sostenibilità da parte dei cittadini e dalla loro volontà di fare sforzi per assicurarla.

Secondo i quattro professori, il crowdshipping è in linea con il paradigma della sharing economy supportato dalla Commissione europea e può collocarsi a pieno diritto fra le iniziative di questo tipo. La sharing economy è già stata applicata a diversi settori, come le case o i trasporti, ma è ancora caratterizzata da contraddizioni e incontra difficoltà di diffusione. Pensiamo alle proteste dei tassisti contro la app Uber. Ad avere la concorrenza del crowdshipping sarebbero i corrieri tradizionali, il cui servizio risulterebbe in fin dei conti più costoso.

Il problema alla base del crowdshipping è il modello di business che verrà scelto e la sua regolamentazione. Il rischio è che possa nascere un’esperienza come quella di Foodora o delle altre piattaforme di trasporto del cibo dai ristoranti. Queste iniziative hanno creato lavoro precario e senza diritti. Gli alti tassi di disoccupazione in alcuni Paesi interferiscono con lo sviluppo corretto dei modelli di consumo collaborativo. Se regolato male il crowdshipping potrebbe portare a un aumento dei viaggi dedicati invece che a una loro riduzione, con conseguenze negative sulle emissioni inquinanti. Secondo i ricercatori di Roma Tre un modo per evitare questa deriva è chiarire che il compenso della “folla” è a titolo di rimborso. I viaggi non possono essere dedicati e la deviazione massima dal percorso di viaggio normale del corriere deve essere minima.

Il resto delle regole può essere definito di volta in volta. I passeggeri che possono fare da vettore vengono individuati attraverso algoritmi oppure attraverso una lavagna virtuale dove i crowdshipper scrivono le loro disponibilità e aspettano che un mittente li contatti. Il trasporto può essere fatto con mezzi privati o pubblici, motorizzati e non. Restrizioni sulle spedizioni riguardano le merci pericolose o proibite come armi ed esplosivi e in alcuni casi farmaci e oggetti che possono offendere la morale. Attenzione anche ai problemi di sicurezza: molte delle piattaforme esistenti autorizzano i trasportatori a controllare il pacchetto da consegnare e il ricevente a scegliere solo crowdshipper fidati con un profilo e recensioni.

Il crowdshipping può far capo ai modelli C2C (Consumer to Consumer) o B2C (Businnes to Consumer): nel primo un utente affida al crowdshipper un documento urgente o un oggetto dimenticato affinchè venga recapitato al destinatario. Nel B2C la differenza è che il ricevente acquista da un negozio. Nei modelli B2C i costi di trasporto sono in prevalenza fissi mentre nel C2C il prezzo viene fissato dal crowdshipper.

Alcune esperienze di crowdshipping

Fra le iniziative di maggiore successo c’è Zipments, attiva a New York dal 2014. Alla fine del 2015 la piattaforma è stata acquisita da Deliver, azienda fondata da un gruppo di imprenditori attenti all’ambiente della Silicon Valley, e ha esteso il suo mercato da New York a tutti gli Stati Uniti. Zipments è cominciata come scambio su base locale: i corrieri ricevono un piccolo quantitativo di pacchi per la consegna nel loro quartiere e utilizzano le loro auto private, la bicicletta o si muovono a piedi per completare il trasferimento del pacco. L’idea è che quelle persone dovrebbero comunque tornare a casa nella loro zona dopo una giornata di lavoro e che quindi possono portare con loro le merci senza troppe deviazioni dal loro percorso.

La particolarità è che le consegne vengono fatte nello stesso giorno dell’ordine. Oltre al luogo e tempo migliore per il recapito, il richiedente può anche scegliere il corriere che preferisce. A ognuno di loro viene dato un voto in base all’affidabilità e alla precisione. Quella con le valutazioni migliori è Jennifer-Jo Marine che ha consegnato più di 2500 pacchi muovendosi in bicicletta dal febbraio 2013. Quasi tutti i crowdshipper newyorkesi utilizzano la bicicletta. Zipments ha dietro un modello di business ben consolidato. Molti dei corrieri avevano già diverse esperienze lavorative in questo ruolo. Il costo è di dieci dollari a consegna ma può variare in base all’urgenza e alle dimensioni della merce da portare. Alcuni negozianti al dettaglio hanno firmato accordi con Zipments e stabilito che nella scelta dei metodi di recapito dei prodotti comprati in e-commerce comparirà l’opzione Zipments.

Molto diversa l’esperienza di PiggyBee, online dal 2012, volta ad assicurare viaggi ecologici anche di lunga durata. La ricompensa per il trasporto viene scelta dal ricevente e nella maggior parte dei casi consiste solo nell’amicizia e nei ringraziamenti. La piattaforma non applica commissioni. È pensata per chi durante i viaggi dimentica oggetti importanti. Le merci più richieste sono documenti e fogli di lavoro, libri e tecnologie.

The post Ridurre l’inquinamento e il traffico con il crowdshipping: una nuova sfida per la sharing economy appeared first on PeopleForPlanet.