People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet
Aggiornato: 1 ora 6 min fa

At last but not the least, i rendimenti

Lun, 07/23/2018 - 02:05

I dati messi a disposizione dalle autorità di vigilanza e controllo (fonte: ultima relazione Covip) certificano che i lavoratori che hanno aderito alla previdenza complementare dovrebbero ritenersi soddisfatti, in quanto, a prescindere dalla forma opzionata tra le tre, tutte battono la rivalutazione del Tfr lasciato in azienda. E’ anche vero però che il 23,5% degli iscritti alla previdenza complementare nel 2017 non ha effettuato contribuzioni perché probabilmente è rimasto intrappolato dalle promesse dei venditori aggressivi e ora, benché non possa uscire dal fondo, si guarda bene dal versare altri soldi

Questo è sufficiente per capire che, per quanto riguarda Fpa e Pip, è arduo consigliare quali preferire, perché la struttura di offerta della previdenza complementare è costituita da 415 forme pensionistiche: 35 fondi negoziali, 43 aperti, 77 piani individuali pensionistici (PIP), 259 preesistenti, oltre ancora a FONDINPS! I costi medi nazionali dei Fpa, comparabili grazie all’Isc (Indicatore sintetico dei costi), oscillano tra lo 0,47% e l’ 1,72% annui, a seconda dei comparti prescelti, mentre quelli dei Pip stanno tra l’1,87% e il 2,71%.

La forbice è molto alta; dietro a questi dati medi, non deve però sfuggire che esistono comunque comparti di Fpa più cari di quelli dei Pip. Verificare i costi è doveroso, però questi vanno poi coniugati con i rendimenti. Prodotti poco costosi e poco performanti, peggio ancora molto costosi e poco redditizi, si alternano ad altri mediamente costosi e ben performanti. Va altresì sottolineato che i fondi pensione sono strumenti di investimento tipicamente di lungo periodo (pluridecennali). Correttamente innescano dei meccanismi di inversione dei costi all’aumento dell’importo sotto gestione, così gli aderenti coerenti avranno ulteriori vantaggi derivanti dalle economie di scala.

A fare il resto della differenza sono quindi elementi quali l’expertise gestionale, la consistenza delle masse, il miglior rapporto rischio/rendimento, la capacità di innovazione, la dimostrazione di sapersi adeguare velocemente ai cambiamenti di mercato, normativi, fiscali e operativi.

Per i giovani lavoratori l’adesione alla previdenza complementare dovrebbe essere imprescindibile ma ,cosi come indicato nel rapporto Covip, “rimangono ai margini del sistema di previdenza complementare”. Probabilmente gli intermediari (banche e compagnie di assicurazione) fanno ancora fatica a consolidare un rapporto di fiducia con chi deve legarsi le mani per 40 anni circa. Una conferma e’ rappresentata anche dal fatto che, sempre dati Covip 2017, le prestazioni pensionistiche erogate alla fine dei piani sono state distribuite in capitale (mi prendo tutto alla scadenza del piano) in 2,6 miliardi e in rendita ( mi prendo una pensione mensile per tutta la vita) per circa 700 milioni di euro. Della serie: prendo i soldi e scappo altro che pensione di scorta!

E una domanda in termini di tecniche di vendita dovremmo pur porcela visto che in Italia a fine 2017 risultano iscritti 7,6 milioni di risparmiatori. Sono tutti consapevoli? Hanno tutti maturato e metabolizzato la decisione in autonomia e senza alcuna pressione?

Unico consiglio: per ridurre gli errori, maturare conoscenza partecipata, ottenere di più… è utile affidarsi a professionisti seri, di provata esperienza, indipendenti o che rappresentano società storiche, con unica vocazione la gestione professionale del risparmio.

 

The post At last but not the least, i rendimenti appeared first on PeopleForPlanet.

Alstom: il treno a idrogeno vince il GreenTec Mobility Award. Presto in Italia?

Dom, 07/22/2018 - 02:18

Si chiama Coradia iLint ed è un treno regionale alimentato da una cella combustibile che trasforma l’idrogeno in energia elettrica. Realizzato da Alstom, è il primo nel suo genere e si è da poco aggiudicato un GreenTec Award nella categoria Mobility by Schaeffler. Sarà su rotaia in Germania entro quest’anno.

Ma anche in Italia c’è aria di novità. In Toscana i treni di Alstom potrebbero viaggiare sulle linee Siena-Chiusi e Siena-Empoli – non elettrificate – grazie a un bando della Regione a cui Alstom aveva risposto e che potrebbe comunque vedere protagonisti anche altri big della mobilità. Tutto dipende però anche dal cofinanziamento da parte dell’Ue nel quale spera la Regione, ma per avere notizie concrete su questo fronte occorre attendere il bando del 2019.

Unica emissione in atmosfera: vapore

Il Coradia iLint presenta vari vantaggi dal punto di vista ambientale e non solo. Da un lato, infatti, consente un risparmio notevole in termini di emissioni – l’unica emissione è il vapore – dall’altro lato è prezioso per agevolare gli spostamenti su linee ferroviarie non elettrificate come sostituto dei convogli diesel. Nel caso tedesco, stiamo parlando del 40% della rete. Inoltre, come sottolineano da Alstom, questo mezzo di trasporto viaggia ai massimi livelli di silenziosità possibili.
E non si tratta di un prototipo: il Coradia iLint entrerà in servizio regolare sulla tratta Cuxhaven-Bremervörde in Bassa Sassonia, proprio nel 2018.
Ai GreenTec Awards è stato premiato in particolare il nuovo modo di concepire la mobilità a zero emissioni in un ambito – l’ingegneria e il trasporto ferroviario – in cui si trasportano carichi massicci, considerando anche che il progetto Coradia iLint dimostra la volontà di agire su una prospettiva di decarbonizzazione di lungo periodo e grazie a una produzione in serie.
Ogni treno regionale di questo tipo più viaggiare fino a 140 km/h con un’autonomia di 600/800 km per ogni rifornimento. A bordo, possono salire fino a 300 passeggeri.

VIDEO:

 

I treni regionali Alstom per gli italiani

Alstom è impegnata anche sul fronte italiano, dove è presente dagli anni Novanta. Tra i vari incarichi, nel 2012 si è aggiudicata la gara pubblica di Trenitalia per 70 nuovi treni regionali Coradia Meridian e qualche mese fa si è aggiudicata anche 4 contratti per circa 330 milioni di euro sempre da Trenitalia per la fornitura di 54 treni regionali Coradia Stream destinati alle regioni Abruzzo (4 treni), Liguria (15 treni), Marche (4 treni) e Veneto (31 treni). Tutto questo come parte dell’accordo quadro firmato nell’agosto 2016. Si tratta dei treni ribattezzati “Pop”, che si aggiungono ai 47 già ordinati dalla Regione Emilia Romagna nel 2016.

Sono convogli pensati per viaggiare su linee regionali e per collegare più città. Sono ad unità elettrica multipla (EMU) che raggiunge una velocità massima di 160 km/h nella versione regionale. Possono prendere posto seduti oltre 300 passeggeri e l’accesso è stato pensato “a raso” del marciapiede per essere più agevole per tutti, compresi i passeggeri con difficoltà motorie. Sono treni progettati per essere ecologici e riciclabili al 95%. A seconda delle stagioni, inoltre, questi treni presentano interni modificabili e adattabili: ad esempio è possibile aggiungere rastrelliere per le biciclette o per gli sci, connessione Wi-Fi, distributori di bibite e snack, aree multimediali e zone di lavoro o relax. Possibile anche un servizio avanzato di infotainment, audio e video e un servizio di video sorveglianza “live” per garantire la massima sicurezza a bordo. Tutto è stato pensato in Italia: lo sviluppo del progetto, la produzione e la certificazione fanno capo al sito di Alstom di Savigliano (CN), la progettazione e la produzione dei sistemi di trazione e altri componenti allo stabilimento di Sesto San Giovanni (MI) e i sistemi di segnalamento di bordo al sito di Bologna.

In copertina: Disegno di Armando Tondo

The post Alstom: il treno a idrogeno vince il GreenTec Mobility Award. Presto in Italia? appeared first on PeopleForPlanet.

Pesticidi: ambiente e salute ancora a rischio

Dom, 07/22/2018 - 02:07

ISPRA – l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale del ministero dell’ambiente – ha presentato oggi i risultati delle periodiche analisi sui pesticidi delle acque italiane, con riferimento al biennio 2015-2016. Il quadro che emerge è allarmante per ambiente e salute umana.

Nella sola agricoltura si utilizzano in Italia 130.000 tonnellate all’anno di pesticidi, mentre non si hanno dati sui biocidi utilizzati per altri usi (ad esempio lungo i binari ferroviari).

CONTINUA A LEGGERE SU HUFFINGTONPOST

The post Pesticidi: ambiente e salute ancora a rischio appeared first on PeopleForPlanet.

E’ nato prima il pane o l’agricoltura?

Sab, 07/21/2018 - 02:56
Un gruppo di ricercatori dell’Università di Copenaghen, dell’Università di Cambridge e dello University College di Londra, ha pubblicato un articolo in cui si racconta di una scoperta che va contro quello che eravamo abituati a immaginare riguardo alla nascita dell’agricoltura, alla coltivazione dei cereali e al loro uso per preparare prodotti come il pane. Questi ricercatori, infatti, hanno trovato, in un sito archeologico denominato Shubayqa 1, in Giordania, i resti di quella che poteva essere paragonata a una sorta di focaccia, risalenti a circa 14 mila anni fa.    Il pane sarebbe il più antico finora noto: “Il pane a forma di focaccia trovato a Shubayqa 1 è la prima prova della produzione di pane finora scoperta, e dimostra che la cottura è stata inventata prima che avessimo la coltivazione delle piante”, ha detto Tobias Richter, dell’Università di Copenaghen, che ha diretto la ricerca, come riporta il sito Le Scienze. “E’ possibile che la produzione precoce di pane a base di cereali selvatici sia stata una delle forze trainanti della successiva rivoluzione agricola, quando i cereali selvatici furono coltivati per fornire fonti di cibo più convenienti”.   Questo sostanzialmente significa che al tempo si erano già comprese le proprietà di alcuni cereali, che venivano raccolti nella loro forma selvatica e successivamente lavorati e poi cotti per produrre un alimento che si era già capito che fosse molto nutriente. Nel sito archeologico sono stati trovati anche diversi oggetti che dimostrano come la popolazione che abitava quel luogo fosse in grado di svolgere tutti i passaggi della lavorazione. Probabilmente questa idea ha portato poi i nostri antenati a cercare di produrre più facilmente e in maggior quantità i semi che gli servivano per la panificazione, e quindi hanno iniziato a pensare a forme di coltivazione. La fame aguzza l’ingegno e i nostri antenati contadini/panettieri hanno avuto un’idea che si è rivelata geniale.

The post E’ nato prima il pane o l’agricoltura? appeared first on PeopleForPlanet.

La mobilità sostenibile a Firenze (VIDEO)

Sab, 07/21/2018 - 02:06

Sapevate che il problema più grande per la mobilità nelle città è trovare lo spazio per fermarsi?
E a Firenze in particolare cosa sta succedendo? Cosa sta facendo il Comune per rendere la mobilità il più sostenibile possibile?

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_158"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/158/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/158/output/Mobilita-a-Firenze.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/158/Mobilita-a-Firenze.mp4' } ] } })

 

The post La mobilità sostenibile a Firenze (VIDEO) appeared first on PeopleForPlanet.

Mangiare meno carne fa bene a noi e al pianeta

Sab, 07/21/2018 - 02:00

E un consumo minore di carne aiuterebbe l’ambiente. Secondo una ricerca del World Watch Institute e di numerose
università europee consumando una quota inferiore di proteine derivanti dalla carne si potrebbe nutrire una popolazione cinque volte superiore all’attuale.

CONTINUA A LEGGERE SU HUFFINGTONPOST.IT

The post Mangiare meno carne fa bene a noi e al pianeta appeared first on PeopleForPlanet.

La mappa del caporalato nelle campagne del Nord

Ven, 07/20/2018 - 02:57

… ma non mancano gli italiani tra i braccianti che lavorano nei campi per 5 euro l’ora. E all’abuso si aggiunge la criminalità, con epicentro nella ricca Emilia.

CONTINUA A LEGGERE SU DONNAMAODERNA.COM

The post La mappa del caporalato nelle campagne del Nord appeared first on PeopleForPlanet.

Strade senza buche e traffico silenzioso grazie a materiali riciclati

Ven, 07/20/2018 - 02:47

Al via il progetto “Life Nereide”, condotto dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Università di Pisa a cui hanno partecipato ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana), il centro di ricerca belga Brrc (Belgian Road Research Centre), l’Istituto di acustica e sensoristica “Orso Mario Corbino”, Ecopneus, il consorzio senza scopo di lucro Ecopneus che si occupa della gestione dei pneumatici fuori uso in Italia e Regione Toscana, che recentemente sta promuovendo non poche azioni a favore dei cittadini e dell’ambiente.

Il progetto è di Nereide – acronimo di “Noise efficiently reduced by recycled pavements”, che tradotto significa “rumore ridotto efficacemente con asfalti riciclati”.  L’asfalto brevettato è infatti reso fonoassorbente dalla presenza di polverino di gomma di vecchi pneumatici fuori uso dal bitume, i cosiddetti Pfu.

Quando si parla di inquinamento causato dalla circolazione dei mezzi sulle strade e ai danni subìti dall’uomo l’attenzione è tendenzialmente rivolta agli effetti negativi che provoca a livello cardio-respiratorio. L’inquinamento acustico è però un fenomeno in netta ascesa. Come ribadito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, i danni causati da livelli eccessivi di rumore da traffico sono spesso irreversibili e nella sola Europa è stato calcolato che oltre 125 milioni di persone sono sottoposte quotidianamente all’inquinamento acustico e ai rischi che ne derivano.

Segnali di una preoccupazione crescente giungono anche da ARPAT e CNR, che hanno perfezionato protocolli acustici per potere misurare con maggiore precisione l’effettiva riduzione del rumore tramite gli asfalti e hanno sviluppato nuovi strumenti in grado di valutare l’impatto effettivo che il rumore dei mezzi di trasporto esercita sulla percezione del singolo cittadino.

Gli asfalti comunemente in uso quando arrivano ad abbattere la soglia dei 3 decibel di rumore sono considerati prodotti d’eccellenza. L’asfalto Nereide già riduce il rumore di 5 decibel in più rispetto a quanto normalmente ottenuto, e il risultato è destinato a migliorare, perché il prodotto è in fase di perfezionamento.

Un altro punto a favore va alla sicurezza stradale, in quanto l’aderenza del manto è più del 20% rispetto a quella garantita dai prodotti in commercio.

A beneficiare di questo nuovo asfalto sono inoltre le persone che se ne occupano direttamente: gli operatori stradali. Gli asfalti in media necessitano di 160°-180° per essere stesi, con ingenti emissioni di fumo e di sostanze inquinanti nei confronti di chi lavora e si trova nei pressi. Il nuovo asfalto permette una stesura “a tiepido” con temperature ridotte di 30°- 40° e con meno rischi, oltre che meno costi.

Benefici che non vanno a scapito dell’ambiente, al contrario, l’asfalto di nuova generazione si compone di asfalto riciclato.

Il progetto – iniziato nel settembre 2016 e con scadenza prevista per marzo 2020 – è piaciuto alla Comunità Europea, che ha stanziato 2,7 milioni di euro. Dei 5.200 m di nuove superfici a ridotta emissione sonora in Toscana 2.700 m sono stati stesi nel Comune di Massarosa in provincia di Lucca.

Nella seconda fase del progetto, che partirà il prossimo autunno con la supervisione dei ricercatori belgi del Brcc, verrà sperimentata la pavimentazione stradale con una percentuale di gomma riciclata ancora maggiore rispetto a quella abituale del 2-3%, che consentirebbe di arrivare ad abbattere 12 decibel del rumore, un risultato che fino ad ora si è ottenuto soltanto mediante le barriere acustiche.

L’ambizione è quella di estendere il progetto a tutta l’Italia, a patto di una collaborazione con le amministrazioni pubbliche, come ha spiegato Ecopneus in una nota:

“Mettere a punto una miscela produttiva ottimale e linee-guida destinate alle pubbliche amministrazioni, che potranno inserire queste miscele nei capitolati di appalto quando hanno necessità di intervenire sui livelli eccessivi di rumore”.

Nereide non è il primo caso di utilizzo di materiali riciclati per realizzazione dell’asfalto: come segnalato in un precedente articolo, la Green Dragon Lane di Londra presenta diversi km di asfalto fatto anche di plastica riciclata. La svolta green si è messa davvero sulla buona strada.

The post Strade senza buche e traffico silenzioso grazie a materiali riciclati appeared first on PeopleForPlanet.

Creme e spray anti-zanzare: gli errori da non commettere

Ven, 07/20/2018 - 02:20

I prodotti repellenti per le zanzare sotto forma di creme o spray da applicare sulla cute sono molto diffusi e possono essere acquistati in diversi punti vendita, dalle farmacie ai negozi per l’igiene personale. Sebbene possano essere considerati sicuri è importante non abbassare mai la guardia e seguire scrupolosamente le istruzioni riportate in etichetta.

Usarli solo se strettamente necessario

L’Istituto superiore di sanità nella Guida per l’entomoprofilassi specifica che quando possibile è preferibile utilizzare tecniche di protezione meccanica o ambientale in sostituzione dei repellenti topici, che devono essere usati solo quando effettivamente necessari e per brevi periodi. Per quanto riguarda i bambini, i repellenti per le zanzare non devono essere utilizzati prima del compimento dei sei mesi di età, e nei piccoli di età inferiore ai 2 anni possono essere impiegati solo in caso di concreto rischio di trasmissione di malattie da parte delle zanzare. Per quanto riguarda le donne in gravidanza, l’impiego di questi prodotti deve essere valutato attentamente dal medico e da un entomologo esperto in base al rapporto rischio/beneficio.

Rispettare le modalità di applicazione…

Creme e spray contro le zanzare devono essere applicati solo sulle parti scoperte del corpo, non sulle mucose e non sulla cute lesa o abrasa, e prestando particolare attenzione a non interessare direttamente gli occhi. L’irrorazione deve avvenire da 15-20 cm di distanza dalla cute e il prodotto non deve mai essere cosparso direttamente sul volto, ma applicato con le mani. Nei bambini di età inferiore a 4 anni si raccomanda di applicare il prodotto non direttamente sulla pelle del piccolo, bensì mediante le mani di un genitore.

…e i tempi

I repellenti non vanno applicati a intervalli temporali troppo ravvicinati. Il tempo di protezione rappresenta l’arco temporale in cui il prodotto esercita la sua funzione repellente, mentre il tempo di applicazione è il lasso temporale che passa fra un’applicazione del prodotto e la successiva nell’arco delle 24 ore. I tempi di applicazione devono essere valutati di volta in volta a seconda dell’attività svolta (il sudore o l’acqua, ad esempio, possono lavare via il prodotto). Al fine di avere un tempo di protezione attendibile (e quindi un tempo di applicazione) è sempre bene calcolare il tempo di effettiva protezione, che si ottiene dividendo per 2 il tempo massimo di protezione riportato in etichetta.

Attenzione all’interazione con le creme solari

Infine, si legge nella Guida dell’Iss, bisogna prestare attenzione all’interazione con le creme solari: molti repellenti interferiscono infatti con la protezione solare fornita da queste creme, declassandone il potere protettivo. E alcuni prodotti, inoltre, possono risultare fotosensibilizzanti. E’ bene quindi esporsi al sole con cautela, soprattutto nella stagione più calda.

 

The post Creme e spray anti-zanzare: gli errori da non commettere appeared first on PeopleForPlanet.

Ricevere mail maleducate in ufficio ci rende più stressati

Gio, 07/19/2018 - 09:33

Le mail scortesi ci rendono più stressati, meno produttivi sul posto di lavoro e aumentano le tensioni in famiglia. È il risultato di uno studio condotto da due ricercatori dell’università dell’Illinois a Urbana-Champaign e della Johannes Gutemberg di Mainz, in Germania. […] La ricerca ha mostrato che chi riceve un messaggio dal contenuto sgarbato e poco civile o una risposta negativa a una richiesta tende a diventare meno produttivo, a limitare i propri sforzi, fino ad assentarsi o ad arrivare tardi in ufficio. È il cosiddetto work withdrawal: l’impiegato si “ritira” dal proprio lavoro.

LEGGI TUTTO SU REPUBBLICA.IT

The post Ricevere mail maleducate in ufficio ci rende più stressati appeared first on PeopleForPlanet.

#Usalazuccheriera, la campagna per non sprecare lo zucchero

Gio, 07/19/2018 - 02:52

In effetti, solitamente si apre la bustina, se ne versa il contenuto nel caffè o nel cappuccino e la si appoggia sul piattino. Anzi, molto spesso non la si utilizza nemmeno tutta e, nella maggior parte dei casi, verrà gettata così come si trova nella spazzatura indifferenziata.

Ecco quindi che è nata #Usalazuccheriera, al fine di utilizzare la zuccheriera al posto delle bustine.

CONTINUA A LEGGERE SU FELICITAPUBBLICA.IT

The post #Usalazuccheriera, la campagna per non sprecare lo zucchero appeared first on PeopleForPlanet.

Rifiuti sulle spiagge: scatta e segnala con le app ufficiali

Gio, 07/19/2018 - 02:48

Il potere di alcune immagini drammatiche ci rivela quanto dannosa sia la plastica che finisce nei nostri mari, killer per l’ambiente e per moltissime specie animali che muoiono scambiandola per cibo o rimanendo intrappolate in sacchetti, reti e rifiuti di ogni genere. Questa plastica però non la vediamo costantemente, il mare la occulta come una coperta e i danni a volte ci sembrano meno tangibili. Vale invece il discorso contrario quando parliamo di Beach Litter, i rifiuti che invadono le nostre spiagge. Oltre a raccoglierli, vale la pena di segnalarne la presenza utilizzando alcune app per consentirne un censimento. Non siamo forse incollati ai nostri smartphone anche in spiaggia?

I rifiuti sulle spiagge italiane

Secondo l’indagine “Beach litter 2018 di Legambiente, in 78 spiagge sono stati 48.388 i rifiuti rinvenuti, su un’area complessiva di 416.850 mq (pari a circa 60 campi di calcio). In media si trovano 620 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia lineari campionata, 6,2 per ogni metro di spiaggia.

La regina di questo scempio è la plastica (80%). Ma oltre la metà dei rifiuti raggiungono le spiagge perché non gestiti correttamente a terra. Si aggiungono poi i rifiuti abbandonati direttamente sulle spiagge o provenienti dagli scarichi non depurati e dalla cattiva abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera.

Lungo le spiagge si trovano soprattutto frammenti di plastica – residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione – anelli e tappi di plastica e poi i famigerati cotton fioc. La plastica è appunto il materiale più trovato (80% degli oggetti rinvenuti), seguito da vetro/ceramica (7,4%), metallo (3,7%) e carta/cartone (3,4%). Parliamo cioè di frammenti di bottiglie in vetro e materiale da costruzione, quindi lattine e poi frammenti di carta, ma un’importante percentuale è costituita da bicchieri, piatti e tovaglioli di carta (13%) e pacchetti di sigarette (12%). Significativo questo dato: per una spiaggia su 3 (28 spiagge su 78) la percentuale di plastica è pari o maggiore al 90% del totale dei rifiuti monitorati.

Per tartarughe, mammiferi e uccelli marini, filtratori, invertebrati o pesci i rifiuti significano soffocamento, malnutrizione, esposizione alle sostanze tossiche contenute o assorbite dalla plastica. E l’ingestione è stata documentata in oltre 180 specie marine. Inoltre i rifiuti si degradano e si frammentano in pezzi sempre più piccoli, le microplastiche, tanto invisibili quanto letali.

 

La citizen science contro i rifiuti

Il monitoraggio di Legambiente si inserisce in una serie di azioni di “citizen science”, frutto cioè di un monitoraggio che in questo caso è stato condotto dai circoli, da volontari e cittadini. I dati vengono poi trasmessi all’Agenzia Europea dell’Ambiente.
La stessa agenzia, nel suo intento di monitoraggio costante, ha infatti lanciato l’iniziativa “Marine Litter Watch” che con un’app tenta di sensibilizzare e coinvolgere i cittadini, chiamati a segnalare la presenza di rifiuti sulle spiagge, da classificare secondo linee guida ufficiali utili a poter condurre un monitoraggio omogeneo su tutto il territorio Ue.
L’app è scaricabile sia su dispositivi iOS che Android ed è rivolta in particolare a gruppi di cittadini e comunità che organizzano azioni di monitoraggio o pulizia (come fanno appunto i volontari di Legambiente). I dati raccolti sono pubblici e si possono consultare online in qualsiasi momento.

A ridosso dell’estate anche Greenpeace ha lanciato il suo servizio “Plastic Radar”, che sfrutta il canale WhatsApp: le segnalazioni sulla presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani possono essere inoltrate al numero +39 342 3711267. I risultati possono invece essere consultati sul sito plasticradar.greenpeace.it. Si invita a segnalare con una foto di quale rifiuto si tratta, possibilmente anche evidenziando il marchio e il tipo di plastica di cui è costituito, inserendo anche le coordinate geografiche del luogo di ritrovamento.

Un’altra app interessante – utile in estate come in inverno – si chiama “Riciclario”. Scaricabile sia per dispositivi iOS che Android, è utile a cittadini, comuni e gestori dei servizi, che possono anche entrare in contatto tra loro per scambiarsi informazioni utili per una buona raccolta differenziata. Per i comuni ad esempio può essere un canale per inoltrare comunicazioni istituzionali o urgenti e per l’accesso alle informazioni della TARI. Comprende un dizionario dei rifiuti, permette di inviare segnalazioni e consultare l’elenco dei servizi a chiamata. Esistono altre app del tutto simili per i cittadini che vogliono evitare errori durante la separazione dei vari materiali da gettare nel corretto contenitore dell’immondizia.

Su tutto il territorio italiano si moltiplicano intanto eventi di sensibilizzazione e soluzioni ad hoc per contrastare il problema plastica. La Regione Puglia ha affidato nuovamente, dopo 5 anni, al WWF il numero verde 800894500, dedicato alla segnalazione di reati ambientali quali abusi edilizi, incendi, casi di inquinamento di aria, acqua e suolo. Le segnalazioni fondate saranno poi inviate alle forze dell’ordine. Il servizio sarà operativo fino al 15 settembre, è possibile anche inviare foto e video tramite Facebook o via e-mail all’indirizzo 800894500wwf@gmail.com.

In Liguria, il comune di Rapallo in collaborazione con la cooperativa sociale Il Rastrello onlus ha presentato il progetto #MareNoPlasticRapallo: posaceneri portatili distribuiti in spiaggia, pulizia due volte al giorno in spiaggia e pulizia sistematica dei torrenti, valorizzazione della posidonia spiaggiata, ma anche un’app in fase di attivazione per consentire ai cittadini di inoltrare le proprie segnalazioni.

 

Fonte immagine di copertina: European Commission

 

The post Rifiuti sulle spiagge: scatta e segnala con le app ufficiali appeared first on PeopleForPlanet.

Le Ricette di Angela Labellarte: il melone come non te lo aspetti!

Gio, 07/19/2018 - 02:43

Ingredienti per 4 persone

Melone 1
Menta 1 mazzetto
Sale q.b.

Preparazione
Lavare il melone, togliere la buccia, tagliarlo a metà e privarlo dei semi con l’aiuto di un cucchiaio. Tagliare il melone a cubetti e condirlo con il sale e le foglioline di menta. Mescolare e servire fresco.
E’ un piatto versatile, può essere servito come aperitivo e contorno ma è ottimo anche come fine pasto. La menta dà freschezza al melone e il sale ne esalta il sapore.

Tempo di preparazione: 10 minuti

Ricetta vegetariana/vegana:

Ph: Angela Prati

The post Le Ricette di Angela Labellarte: il melone come non te lo aspetti! appeared first on PeopleForPlanet.

Repellenti anti-zanzare: attenzione agli effetti collaterali

Gio, 07/19/2018 - 02:19

E nei bambini al di sotto dei due anni si rischiano effetti tossici a carico del sistema nervoso centrale

Si possono acquistare sia in farmacia che nei negozi che vendono prodotti per l’igiene personale e della casa: le creme e gli spray contro le zanzare sono ormai molto diffusi, e in particolare quando è il momento di andare in vacanza sono un prodotto irrinunciabile per molti viaggiatori, soprattutto – ma non solo – per coloro che hanno come meta Paesi in cui le zanzare sono molto presenti, come quelli caldo-umidi del Sud del mondo. Ma anche mamme di bambini piccoli non se li fanno sfuggire, e li hanno sempre in borsa a portata di mano. Ma quali sono gli effetti collaterali di questi prodotti? E qual è il giusto modo per utilizzarli?

Non abbassare la guardia

Il fatto che molti di questi prodotti oltre a essere venduti in farmacia vengano venduti in normali negozi per la cura della persona genera, in qualche modo, un abbassamento della guardia, perché vengono visti come prodotti perlopiù innocui. “Eppure innocui non sono – spiega Francesco Castelli, docente di Malattie infettive all’Università di Brescia -. Qualsiasi prodotto, una volta applicato sulla cute, è soggetto a un seppur modesto assorbimento transcutaneo, che risulta maggiore nei bambini piccoli, ai quali bisogna prestare particolare attenzione. E questo vale anche per i repellenti anti-zanzare“.

Durata d’azione ed efficacia

In linea generale bisogna usare il prodotto in base alla sua durata di azione, e riapplicarlo solo quando necessario. “E’ fondamentale aderire al foglietto illustrativo che accompagna il prodotto nella sua confezione: ogni repellente ha specifici principi attivi, e le modalità di applicazione variano in base alle concentrazioni di questi ultimi e in base all’età del soggetto”.

Sconsigliato l’uso fino ai due anni di età

Quanto ai bambini piccoli, fino ai due anni è sconsigliato l’utilizzo di qualsiasi repellente per le zanzare e si raccomanda l’impiego esclusivamente di barriere cosiddette “meccaniche” (zanzariere e vestiario). “Dopo i due anni, in caso di necessità, è possibile fare uso di prodotti repellenti ma è necessario che siano prodotti appositi per i bambini, con concentrazioni di principio attivo inferiori. E anche il numero di applicazioni giornaliere deve essere ridotto rispetto a quello di un adulto”, precisa l’esperto.

Leggere bene l’etichetta

Il consiglio, per capire cosa ci stiamo spalmando sulla pelle, è leggere bene l’etichetta per capire cosa c’è dentro il prodotto: in un repellente indicato in etichetta come “naturale” potrebbe infatti nascondersi la presenza di sostanze chimiche come il Deet (dietiltoluamide) o l’icaridina, composti di cui, anche se risultano perlopiù ben tollerati, è bene avere consapevolezza. “Inoltre bisogna sempre seguire le istruzioni relativamente alle quantità e al numero massimo di applicazioni al giorno. Indicazioni che non vanno mai trascurate, soprattutto se il prodotto va applicato sui bambini”, sottolinea Castelli.

Occhio alle irritazioni locali (ma non solo)

Gli effetti collaterali che possono eventualmente insorgere in seguito all’utilizzo dei prodotti anti-zanzare sono dovuti  soprattutto alla presenza del Deet e dell’icaridina, contenute nella maggior parte dei repellenti. “Il Deet risulta meno tollerato dell’icaridina. Per questo i nuovi repellenti sono a base di icaridina, meglio tollerata soprattutto dai bambini piccoli. L’effetto collaterale più frequentemente rilevato sono le irritazioni cutanee locali dovute al contatto col prodotto. Importante: soprattutto nei bambini piccoli, lattanti e minori di due anni, sono stati segnalate encefaliti (effetti tossici a carico del sistema nervoso centrale) in seguito all’impiego del Deet. Non dimentichiamo mai di chiedere consiglio al pediatra prima di utilizzare un qualsiasi prodotto sulla pelle dei nostri bambini, poiché l’assorbimento transcutaneo nei piccoli è maggiore”.
19

Questi gli articoli sul tema “zanzare e insetticidi

Repellenti anti-zanzare: attenzione agli effetti collaterali
Per le zanzare è una “questione di sangue”
Gli insetticidi sono velenosi!

The post Repellenti anti-zanzare: attenzione agli effetti collaterali appeared first on PeopleForPlanet.

In arrivo l’eclissi totale di luna più lunga del secolo

Gio, 07/19/2018 - 02:02

In quella notte, per 1 ora e 43 minuti, ammireremo l’eclissi totale di luna più lunga del 21esimo secolo. L’evento durerà quasi 4 ore. Assolutamente da non perdere!

Sarà un evento astronomico tanto imperdibile quanto suggestivo quello che si verificherà il 27 luglio 2018: l’eclissi totale di Luna. Sarà visibile dall’Italia, in piena estate e quindi con altissima probabilità di avere il cielo sereno. Il 27 luglio tutti con il naso all’insù dalle 19:14 fino alle 02:31. La totalità sarà alle 21:30 di sera fino alle 23:14, ma prima e dopo potremo ammirare le rispettive eclissi parziali, tutte e due di 1 ora e 6 minuti.

CONTINUA A LEGGERE SU TheNextTech.it

The post In arrivo l’eclissi totale di luna più lunga del secolo appeared first on PeopleForPlanet.

Con il CompoSharing il compostaggio domestico diventa facile

Mer, 07/18/2018 - 08:12

Condivisione di attrezzature ed esperienze per incrementare il compostaggio domestico e ridurre i rifiuti: è ciò che si può riassumere nella parola “Composharing”.
Nella provincia di Parma, in particolare nei comuni di Mezzani, Sissa Trecasali e Sorbolo, è attivo infatti un servizio di n condivisione del compostaggio domestico per riciclare l’organico e in particolare i “rifiuti verdi”, ramaglie e potature.
Nei tre comuni si producono ogni anno circa 3.500 tonnellate di rifiuti verdi, che potrebbero essere in buona parte intercettati dal compostaggio domestico. Oggi in Italia vengono raccolti, trasportati e smaltiti tre milioni di tonnellate di rifiuti verdi: una cifra che con il composharing potrebbe venire drasticamente ridotta.
L’idea è semplice: dare supporto formativo a chi decide di fare il compostaggio nel proprio giardino e mettere in condivisione le attrezzature necessarie al suo trattamento, come il trituratore, troppo costoso per un singolo nucleo familiare.
Ogni famiglia che si iscrive al servizio, gratuito per i residenti dei tre comuni, ha diritto a un corso di formazione e a una consulenza, a un kit per il compostaggio, alla triturazione delle ramaglie e alla setacciatura del compost, alle analisi e all’eventuale aggiunta di integratori e attivatori per migliorare il processo.
Il compostaggio domestico è un perfetto esempio di economia circolare: consente di “chiudere il cerchio” trasformando i rifiuti verdi in terriccio utile per il proprio giardino e il proprio orto, anziché riempire di rifiuti i cassonetti e i centri di raccolta.

Fonti:
https://www.composharing.it/
http://comunivirtuosi.org/composharing-a-sorbolo/

 

The post Con il CompoSharing il compostaggio domestico diventa facile appeared first on PeopleForPlanet.